Polemiche a iosa

Print Friendly, PDF & Email

Mentre La7 si prepara ad ospitare i leader dei vari partiti nel faccia a faccia con Mentana fino agli appelli finali che consentiranno un sano confronto democratico, continuano le polemiche politiche. I leader impegnati nell’aspro confronto per la conquista dei preziosi voti elettorali si lanciano frasi al vetriolo. Particolarmente duro è stato lo scontro Monti-Bersaniperché il professore ha detto che bisogna adoperarsi per far uscire i partiti dalle banche. A specchio ma beffardo, Bersani ha replicato che bisogna far uscire anche i banchieri dai partiti. Un riferimento  decisamente  inesorabile a tutto il sistema dei tecnici che abbiamo visto operare nell’ultimo peridodo guidati dal Mario Monti.

Innescata la miccia, Berlusconi ha colto la palla al balzo per screditare la sinistra e Grillo, combattivo come sempre, prosegue il suo tsunami-tour in Sicilia doresizerve è tornato ad attaccare tutti.

La bufera MPS continua a scuotere la politica e si moltiplicano gli scambi di accuse tra i leader che volenti o nolenti si confrontano sullo scandalo di Rocca Salimbeni in questa caldissima campagna elettorale. Banchieri, banche, partiti e politica si agitano scambiandosi frasi poco eleganti. Il caso MPS continua ad essere al centro della campagna elettorale, in mezzo al fuoco concentrico degli avversari. A sferrare il primo attacco verbale, Mario Monti  che per attacacre il Pd ha usato il social network, Facebook entrando  a gamba tesa nel difficile momento traversato dal Pd per i suoi legami con il Monte dei Paschi ed ha detto: ” per il bene di tutti dobbiamo tenere lontani dai partiti le gestioni delle banche “, senza nominare il partito Democratico ma alludendovi e in sostanza additandolo alla pubblica riprovazione. La replica piccata e allusiva non si è fatta attendere. Anche Bersani non ha nominato Monti ma era chiaramente a lui che si riferiva quando ha detto: “Sono dieci volte d’accordo” – aggiungendo però anche la chiosa al veleno – ” Io aggiungo via i banchieri dai partiti. Così siamo a posto”. E chi ha voluto capire ha capito.

La vicenda Mps fa litigare Mario Monti PiphpThumb_generated_thumbnailer Luigi Bersani. A concludere l’intenso  botta e risposta finanziario-elettorale,  è arrivato anche il Cavaliere che dai microfoni radiofonici a sparato a zero sul segretario del PD, “Non ho paura di essere sbranato, prendo atto che la politica di chi ha radici nel vecchio Pci è sempre fatta di minacce. Bersani ha la faccia tosta tutti sanno che Mps appartiene al comune di Siena che da 60 anni è governato dalla sinistra e che 13 su 15 consiglieri del Montepaschi sono di nomina da parte della sinistra”.

Il bollettino quotidiano  registra un feroce battibecco a distanza tra Pier Luigi Bersani e Mario Monti che per dimostare di non temere quelo che si dice di lui e cioè di essere troppo vicino alla Germania e troppo poco agli interessi del corpo sociale è andato in visita dalla Merkel ad una settimana esatta dal vertcie cruciale dell’Unione per chiarire le sue posizioni. Crescita è la parola magica. Investimenti e non più tagli. “E’ essenziale che il bilancio della Ue 2014-2020 sia orientato alla crescita, l’occupazione e la coesione”.  Il professore sembra aver cambiato rotta abbracciando il concetto chiave che l’Italia i compiti li ha fatti e che non siamo più un fanalino di coda nei giochi europei. Vuole essere protagonista, negrillo etna-2lla  partita durissima dei finanziamenti europei a proposito del piano di bilancio europeo 2014-2020 su cui i leader europei devono trovare un accordo nel prossimo vertice.

Mentre infuria il battibecco politico e loro si fanno la guerra, Il M5S comntinua il suo giro di propaganda tra la gente e stavolta non a nuoto, ma con un traghetto delle Ferrovie dello Stato. Grillo torna in Sicilia facendo il pieno nelle piazze, proprio lì dove i grillini hanno portato a casa un successo che comincia  a dare i suoi frutti. I consiglieri comunali regionali hanno iniziato a muoversi e  Grillo ne ha per tutti, come sempre. Su ogni palco allestito nelle città sedi delle tappe del tour, accanto a Grillo ci sono i candidati alle elezioni del 24 febbraio e alcuni deputati regionali del Movimento.  “Siamo convinti – grida – che faremo ancora il botto e questa volta ci prendiamo tutto”. Vedremo dove porta questo treno che sta per arrivare in Parlamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*