L’ultimo terzo

Print Friendly, PDF & Email

Fermo il campionato per gli impegni della Nazionale, si riprenderà il 17 febbraio con la quarta giornata, proviamo a fare il punto sulla lotta play off nel girone 2 del campionato di serie C.

La corsa sembra ormai una questione a due, anche se, oggettivamente, calendario alla mano e occhio alla classifica, il campionato sembra decisamente in mano al Padua Rugby Ragusa.

I ragusani, infatti, guidano la classifica con 48 punti e ne hanno ben 11 di vantaggio sulla seconda, la Nissa di Caltanissetta. Con sei partite ancora da giocare, in considerazione che lo scontro tra le prime si è già disputato, il divario sembra incolmabile.

Il Padua deve giocare tre volta in casa, con Xiridia, Briganti e Miraglia, e rendere visita ad Enna, Misterbianco e Syrako. Un percorso non facilissimo, specialmente per quanto riguarda le trasferte, ma certamente non proibitivo. Dando per scontato che in casa i ragusani vincano sempre con il bonus, perché la vittoria finale sia matematica (dando per scontato che la Nissa vinca con il bonus tutte le sue partite) servono altri 5 punti. Conquistarli nelle tre partite che giocheranno fuori dalle mura amiche non dovrebbe essere un’impresa impossibile.

La Nissa, invece, dovrà vedersela con Syrako, Misterbianco, Briganti e AudaxClan in casa e Xiridia ed Enna fuori. Un calendario, quindi, almeno sulla carta, ancora più facile di quello dei biancazzurri di coach Vinti. Il fattore di difficoltà, per gli uomini in verde, è l’obbligo di totalizzare 30 punti, il massimo possibile, nelle restanti sei partite. Anche in questo caso, impresa complicata ma non impossibile.

La differenza, alla fine, la fanno gli 11 punti che separano le due squadre e che sono il vero tesoro in mano ai ragusani. Solo loro possono dilapidare questo patrimonio.

Ne sapremo comunque di più la sera del 17 febbraio, dopo che si sarà giocata la quarta giornata di ritorno e le due battistrada avranno recuperato, il 10, la partita non disputata 27 gennaio. Dopo Enna-Padua e Nissa-Syrako e Nissa-Misterbianco (il 17 i ragusani osserveranno il loro turno di riposo) avremo più chiara la situazione in classifica e, probabilmente, potremo già intravvedere in modo ancora più netto quale sarà la squadra che andrà a disputare i play off per la promozione in serie B.

A questo proposito, nei giorni scorsi la Federazione Italiana Rugby ha reso note le modalità con cui saranno disputati. Gli incontri validi come quarti di finale si giocheranno, con partite di andata e ritorno, il 21 e il 28 aprile (e qui c’è già un problema, visto che il 21 le siciliane dovrebero giocare l’ultima partita della loro stagione regolare). La finale si giocherà, anche questa con partite di andata e ritorno, il 12 e il 19 maggio.

Gli abbinamenti per i quarti prevedono scontri tra le vincenti dei campionati denominati Puglia1 e Campania1, Lazio1 e Abruzzo, Campania/Puglia e Sicilia2, Sicilia 1 e Lazio2.

La vincente del girone del Padua, Sicilia2, dunque se la vedrà con la vincente di quello che è denominato Campania/Puglia ma che nei fatti sarà che la squadra capace di arrivare in fondo a un percorso a ostacoli che prenderà il via il 13 marzo, con lo spareggio tra la prima classificata di Puglia2 e la seconda di Puglia1, per arrivare al 14 aprile quando la seconda di Campania 1 affronterà la squadra superstite tra la vincente della partita del 13 marzo e la prima classificata del girone Calabro Campano, incontro che si gioca, andata e ritorno, il 24 marzo e il 7 aprile.

Complicato, è vero, ma per affrontarlo nel dettaglio, per fortuna, c’è ancora tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*