Svolta nella campagna elettorale

Print Friendly, PDF & Email

Giornata importante per la campagna elettorale perché si è verificata una svolta ma, come andrà a finire lo vedremo solo vivendo…Bersani ha detto ” pronti a collaborare com Monti, contro la deriva populista”. In sostanza, afferma Mentana nel  TG de La7, pronta l’alleanza con il centro del professore contro Berlusconi e la Lega e contro tutte quelle proposte che stanno arrivando in questi giorni. Ricordiamole: restituzione Imu, diminuazione della tassazione, accordo con la Svizzera sulla tassazione dei conti correnti italiani nelle banche elvetiche, il condono tombale, riduzione Irap e stop all’aumento dell’Iva. La raffica delle promesse dell’inarrestabile Cavaliere lanciato nello sforzo di accaparrarsi voti per recuperare lo svantaggio statistico di questa barricata elettorale agita il panorama politico e Bersani cerca l’alternativa. Insieme allo sforzo europeista di rigore ora ci aggiunge l’apertura alla Lista civica per l’Italia, cioè Monti più Fini più Casini, che si trovano agli antipodi della visione del centro sinistra.

bersamonmti-300x158Mano tesa a Monti e pronti a collaborare con chi sta contro il berlusconismo.  Così il Partito Democratico, incalzato dalla campagna elettorale di Silvio Berlusconi, ha dilapidato quasi tutto il vantaggio di cui veniva accreditato in vista delle elezioni apre chiaramente a Monti e a tutte le forze che si vorranno battere contro il PdL. È suonato un allarme nel PD dopo la raffica di proposte in materia economica e di tassazione che sono arrivate dall’avversario che meglio utilizza lo spazio televisivo. Istrionico e onnipresente, satura tutti gli spazi in una sorta di tam tam mediatico per convincere anche l’ultimo degli elettori.  Ma il nuovo scenario non piace al Cavaliere che si vede assestare una mossa che potrebbe chiudere i giochi e parte al contrattacco: “Siamo in corsia di sorpasso”, carica i suoi, mentre  Bersani e Monti si riavvicinano per combattere il comune nemico. Il segretario del Pd depone il fioretto incrociato con Monti “Sono prontissimo ad una collaboarazione con tutte le forze che siano contrarie al leghismo, al berlusconismo e al populismo, certamente anche con il professor Monti” che replica :“Apprezzo ogni apertura e ogni disponibilità e anche questa frase che Bersani ha detto dalla Germania, dove, mi pare, la politica fatta in quest’ultimo anno con l’aiuto del Parlamento, è stata apprezzata”. “Io – ha assicurato – sarò disponibile ad alleanze con tutti e solo coloro che saranno seriamente impegnati sul piano delle riforme strutturali”.

Via tutte le riserve.  Abbassato il freno, per partire tutti uniti, proriforme. Ma c’è chi si oppone al nuovo alleato giudicandolo incompatibile e non vuole nessuna presenza di destra nella primordiale alleanza politica. Nichi Vendola: “Noi mai col Professore”, tuona. E complica terribilmente i piani dei democrati.

resizer17 giorni ancora di campagna elettorale diranno se il dialogo Bersani/Monti è una scelta o un fuoco di paglia. Resta comunque un passaggio fondamentale sia che si apra il dialogo sia che si apra il fianco alla propaganda avversaria. E Ingroia che inaugura lo spazio divulgativo dedicato alle elezioni del Tg coi i suoi 5minuti di domande e risposta vis a vis con Mentana, prontamente replica:”Finalmente Bersani parla chiaro ai suoi elettori, che sappiano che non va verso un governo di centrosinistra ma va a un governo dove c’è la destra. Monti è una destra, onesta, pulita che ha credibilità nazionale, per carità, ma è destra. Infatti, le politiche di Monti sono identiche a quelle di Berlusconi. È un po’ singolare, tutto ciò. Come farà a spiegarlo al suo  elettorato e a Vendola? Credo che il PD sia un un vicolo cieco dal quale non so come potrà uscirne”.

L’ultima piroetta di Bersani a sostegno di Monti, per fare cosa, si vedrà,  nel bene e nel male farà discutere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*