Benedetto XVI si dimette: oggi l’annuncio

Print Friendly, PDF & Email

Poche ore fa l’annuncio: Papa Benedetto XVI, ha rassegnato le sue dimissioni e lascerà il suo ruolo di Papa alle ore 20 del 28 Febbraio 2013. Da quel momento la sede pontificia resterà vacante e inizieranno le procedure per l’elezione del nuovo Papa.

La notizia ha scioccato l’Italia. Era dal 1294 che non si verificava una situazione del genere, l’ultimo Papa che ha rinunciato al suo mandato fu Celestino V.

Ratzinger ha fatto l’annuncio in latino, durante il concistoro per la canonizzazione dei martiri di Otranto, prendendo tutti di sorpresa, anche i suoi collaboratori più vicini.

“Ben consapevole della gravità di questo atto, con piena libertà, dichiaro di rinunciare al ministero di Vescovo di Roma, Successore di San Pietro, a me affidato per mano dei Cardinali il 19 aprile2005″, ha detto Benedetto XVI. “Carissimi Fratelli, vi ringrazio di vero cuore per tutto l’amore e il lavoro con cui avete portato con me il peso del mio ministero, e chiedo perdono per tutti i miei difetti”.

La motivazione ufficiale addotta dal Papa sarebbe la  ingravescentem aetatem, ossia l’età avanzata, sembra infatti che Ratzinger non se la senta più di sostenere il peso dell’incarico ricevuto nel 2005, dopo la morte di Giovanni Paolo II, a causa del suo stato di salute, anche se il Vaticano non conferma l’ipotesi di una malattia.

Georg Ratzinger, il fratello di papa Benedetto XVI, era da mesi al corrente dei piani di dimissioni annunciati stamani dal pontefice. “Ero stato messo al corrente”, ha detto il religioso secondo quanto riporta il sito del quotidiano Die Welt in un flash delle 12:49: “Mio fratello si augura più tranquillità nella vecchiaia”.

In questo ore si rincorrono le informazioni ma soprattutto si fanno ipotesi sulle reali motivazioni che possono aver spinto un Papa a lasciare il suo ruolo. Solo una scelta personale? Essendo ad un passo dalle elezioni italiane la notizia delle dimissioni di Benedetto XVI sconcerta ancora di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*