Il Padua Rugby Ragusa vince ancora

Print Friendly, PDF & Email

062_2013_03_03_una_trePadua Rugby Ragusa 53 punti, 11 vittorie su 11 partite giocate, Xiridia Floridia zero punti, zero vittorie su 10 partite giocate. Partendo da questi dati di fatto, i tanti spettatori presenti oggi pomeriggio al Petrulli di Ragusa si aspettavano di vedere una bella partita, con un mucchio di mete e tanto bel gioco.
E l’incontro tra Padua Rugby Ragusa e Xiridia Floridia, valido per la quinta giornata di ritorno del campionato di serie C di rugby, non ha deluso le attese: nonostante il campo, ma ormai questa è una costante, non fosse in perfette condizioni (stiamo chiaramente usando un eufemismo), le due squadre hanno dato vita a una partita molto bella e giocata a viso aperto.
Oggi il Padua, con la vittoria del campionato ormai virtualmente in tasca e l’obiettivo dei play off praticamente raggiunto (prima di oggi ai ragusani mancavano solo tre vittorie per avere la certezza matematica di aver conquistato entrambi i risultati, e oggi il risultato non è mai stato in discussione), ha pensato soprattutto al futuro, provando nuovi schemi, facendo debuttare il neo acquisto Simone Moscuzza nel ruolo di mediano di mischia, e dando spazio a chi, durante la stagione, ha avuto meno possibilità per mettersi in mostra.
Partono subito forte i ragusani, e ci mettono solo 13 minuti per fare proprio il risultato e conquistare il bonus offensivo. Al 3° c’è la meta di Paolo Iacono, seguite da quelle di Enoc Valenti (8°), Andrea Battaglia (9°) ed Eugenio Lo Presti (13°).
Raggiunto l’obiettivo i ragusani rallentano un po’, continuando però a mantenere in mano il pallino del gioco: giusto il tempo di prendere una boccata d’aria e poi ricominciare a fare sul serio.
Al 24° annotiamo la meta di Stefano Iacono, due minuti dopo la seconda di Valenti. Tutte e sei sono trasformate dal piede di Peppe Iacono.
Sul 42 a 0 c’è un altro rilassamento dei biancazzurri e questa volta sono i rosanero ospiti a fare capolino nella metà campo iblea. Anzi, più che capolino, gli uomini di coach Bandiera, a partire dal 30°, si installano stabilmente nei 22 avversari e costringono il Padua fino al fischio finale del signor  Cataldo Andaloro della sezione di Catania, a una strenua difesa per evitare di subire la meta.
Nell’intervallo Gianluca Tumino, Paolo Iacono e Giorgio Nobile lasciano il loro posto a Giorgio Carbonaro, Damiano Ortolano e Fabio Baglieri, con quest’ultimo schierato ai centri e con il conseguente spostamento di Stefano Iacono all’apertura e l’arretramento di capitan Iacono ad estremo.
Spostando però l’ordine dei giocatori, il prodotto non cambia. Dal 43° al 54° arrivano le mete di Peppe Iacono, Cristian Iacono e Damiano Ortolano. Tutte trasformate, tranne l’ultima. In mezzo il giallo al ragusano Giuseppe Cafiso e al floridiano Giliberto che si sono “carezzati” con troppa veemenza, e l’ingresso in campo di Lorenzo Castiello al posto di Eugenio Lo Presti. Ed è Castiello a marcare la decima meta per i ragusani, al 61°. Due minuti dopo arriva la doppietta di Andrea Battaglia. Anche queste sono trasformate dal piede di capitan Iacono.
Poi, così come alla fine del primo tempo, i paduini tirano un po’ i remi in barca e lo Xiridia viene fuori, assediando l’area di meta ragusana e, proprio allo scadere, segnando una meta grazie alla forza della propria mischia. Meta assegnata a Indomenico, e trasformazione realizzata dallo stesso.
Man of the match è Paolo Bellio, oggi colonna del pacchetto avanzato biancazzurro e sempre in prima linea quando c’è stato bisogno di un ariete da lanciare contro la difesa avversaria.
A rendere ancora più azzurra la giornata del Padua ci sono state le vittorie dell’Under 14 sui pari età dello Xiridia per 37 a 0 e quella, ben più importante ai fini della vittoria del campionato, dell’Under 20, fuori casa, di fronte ai pari età dei Briganti di Librino. Così, come per la formazione senior, anche ai ragazzi di coach Novello adesso bastano altre due vittorie per acquisire il diritto di giocare i play off di categoria per la promozione nel campionato Under 20 Elite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*