Totentanz – Danza Macabra alla villa di Lilliano (FI)

Print Friendly, PDF & Email

TOTENTANZ_DANZA_MACABRA da tedavi.

La fantasia e la bravura di Alessandro Riccio non hanno limiti, riesce sempre a stupirci, ogni suo spettacolo è un inno alla creatività, un fuoco d’artificio, un’alchimia di musica, mimo e recitazione che provoca, ogni volta, risate convinte e applausi da standing ovation, meritatissimi, da parte del numerosissimo pubblico presente.

Ieri sera ci ha accolti con la sua “Totentanz – Danza macabra” in una delle sale della villa medicea di Lilliano, sulle colline di Firenze, sopra Grassina, che si è divertito a decorare in pendant col tema della serata.

Cos’è una danza macabra? Dal foglio di sala: “È un modo di decorare chiese e cimiteri usato principalmente nel Medioevo nella quale è rappresentata una danza tra uomini e scheletri. Gli scheletri sono la personificazione della Morte mentre gli esseri umani rappresentano le diverse categorie della società dell’epoca, dai personaggi più umili come contadini e artigiani ai più potenti come l’imperatore, il papa, principi e prelati”.

Per questo Alessandro Riccio ha impersonato, con abbigliamento e gestualità ad hoc, ben cinque rappresentanti di queste categorie, un re, un vescovo, una donna, un bandito e un vagabondo senzatetto; e Lorenzo Baglioni ha…”incarnato” (gioco di parole) la Morte munita di chitarra, entrambi straordinariamente e superlativamente bravi.

Non plus ultra hanno dato vita anche a un teatrino di burattini sempre utilizzando l’originalissima scenografia di Alessandro Meozzi che cambia a ogni personaggio interpretato da Alessandro, ognuno di loro sempre “tallonato” dalla frase “memento mori” cantata dalla Morte-Lorenzo, coautore anche della perfetta colonna sonora.

Sempre dal foglio di sala: “l’accoppiamento di un tema drammatico e comico nello stesso contesto crea un contrasto molto interessante per riflettere e ridere della vita. La Morte, in fin dei conti, rende davvero tutti uguali, come recitava anche il grande Totò nella sua poesia più famosa, ‘A livella”.

Grazie per la magica serata che ci avete regalato!

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*