Piazza Taskim e piazza Tahir

Print Friendly, PDF & Email

20136121525600734_20

Gli avvenimenti che si stanno succedendo a piazza Taskim a Istanbul appaiono molto simili a quelli che pochi mesi fa  avvennero  a piazza Tahir al Cairo.

In tutti e due i casi si tratta di una delle  tante rivoluzioni colorate che si sono succedute dell’inizio del terzo millennio. Non più azioni di terrorismo. di  guerriglia ed  attacco armato ai vari palazzi del potere  che vengono invece circondati da grandi folle di cittadini festanti, senza armi che si riconoscono adottando  come simbolo un colore  o un fiore.

L’azione della folla  non è violenta e anche se vi sono poi delle vittime  negli scontri con le forze dell’ordine o con gli oppositori. Tuttavia non sono le armi a definire  l’esito degli avvenimenti come  avveniva  invece nelle rivoluzione del ’900. A un certo punto, se queste manifestazioni riescono ad avere l’appoggio della maggioranza dei cittadini, anche l’esercito si ritira o passa dalla parte dei dimostranti.

In questo nuovo tipo di rivoluzione internet gioca un ruolo essenziale come mezzo di richiamo e di aggregazione sostituendo quindi la comunicazioni radio televisive che sono, in genere, in mano al potere.

In tutti e due i casi il motivo scatenante è occasionale: per Istanbul la costruzioni nel  Gezi Parrk , in Egitto gli esiti di una partita di calcio: ad esse corrispondono eccessi della polizia e quindi le dimostrazioni si estendono ampiamente, a macchia di leopardo,  in tutta la nazione.

In tutte e due i casi anche le tendenze degli attori politici sono le stessi. Da una parte un presidente e un governo democraticamente eletto, Erdogan in Turchia e Morsi in Egitto, che rappresentano tendenze  religiose islamiche, sia pure non estremiste mentre dall’altro folle, soprattutto giovanili, di ispirazione genericamente laiche che tuttavia non si riconoscono  in un  partito di forma tradizionale.

Il contrasto quindi è fra ispirazione religiosa e laicismo: laicismo, non ateismo che è marginale in tutto il mondo islamico a differenza dell’Occidente in cui  i praticanti effettivi del cristianesimo non vanno, in genere, oltre il 20 % della popolazione

In tutte e due le nazioni abbiamo una tradizione laica molto radicata. In Turchia il laicismo, molto duro e intransigente,  costituiva  elemento essenziale  dello stato instaurata da Kemal Ataturk, fondatore della repubblica che volle modernizzare la Turchia con la separazione netta, assoluta, fra religione e stato. Solo dall’inizio di questo millennio i partiti di ispirazione religiosa hanno potuto partecipare e vincere le elezioni. Lo stesso Erdogan è stato in prigione per essere esponente di un partito religioso  quando questo era vietato.

In Egitto il laicismo è stato molto meno radicale. E’  stato però elemento essenziale del regime di Nasser, che poi è durato  fino alla caduta di Mubarak: alle  elezioni poi ha vinto, non senza violenti contrasti, il presidente Morsi esponente dei Fratelli Mussulmani.

Ciò però che rende  molto diverse  le due situazioni è lo situazione economica. Da dieci anni, cioè da quando governa Erdogan, la Turchia ha avuto un grande boom economico e la sua crescita è andata in media non molto lontana da quella mitica della Cina, intorno all’8% annuo.

In Egitto invece non vi è stato alcun progresso economico dalla caduta  di  Mubarak, anzi l’economia ha subito  un tracollo nel suo settore piu produttivo, il turismo per la instabilità  generale. Ora i popoli danno merito e demerito dei risultati ai governi che si si trovavano a governare, non importa  poi se effettivamente meriti e demeriti vadano veramente ascritti ai governi e non al contesto generale.

Per questo la forza di Erdogan è molto più grande di quella  di Morsi.

E infatti Erdogan non intende cedere, nemmeno un po’, ai dimostranti. Il vice-presidente ha riconosciuto gli eccessi della polizia ma Erdogan non ne ha fatto cenno. Non ha nemmeno interrotto la sua visita di stato nei paesi del Magreb: da lì invece ha detto che il suo governo andrà avanti per il Gezi  park, che i dimostranti sono dalla stessa parte dei terroristi che hanno insanguinato la Turchia con i loro attentati. Erdogan affronta quindi direttamente, senza la minima esitazione o debolezza, i manifestanti  sicuro di poter ristabilire la propria autorità.

Il modello turco è l’unico modello democratico consolidato  nel mondo islamico e ad esso si stanno ispirando i regimi nati dalla  Primavera Araba: un suo collasso sarebbe esiziale per  il processo democratico nell’ambito islamico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*