Pendolaria 2013

Print Friendly, PDF & Email

stazione-ferroviaria-ragusaDomani, martedì 17 dicembre si terrà a Ragusa la giornata di mobilitazione dei sindaci della provincia per il rilancio della Ferrovia iblea.

Il Sindaco Federico Piccitto in occasione dell’iniziativa nazionale “Pendolaria 2013” promossa da Legambiente nazionale, dal Comune di Ragusa, “Il Carrubbo”, Legambiente Ragusa, Cub Trasporti,  ha infatti invitato i colleghi primi cittadini della provincia a partecipare alla manifestazione a sostegno della vertenza per il potenziamento della tratta ferroviaria Siracusa – Ragusa – Gela.

Il programma della manifestazione prevede, alle ore 11,30, presso la stazione ferroviaria di Ragusa, il raduno dei sindaci dei comuni iblei con i rispettivi gonfaloni, degli organizzatori e dei Comitati pendolari che terranno sul posto una conferenza stampa congiunta. Alle 12,20 in treno si raggiungerà Donnafugata, luogo in cui è prevista una conferenza e la firma del “Patto dei sindaci” per il rilancio della tratta ferroviaria. Alle 15,25, sempre in treno, da Donnafugata si rientrerà a Ragusa.

Diverse le tematiche oggetto della piattaforma rivendicativa. Si chiederà la reimmissione dei treni pendolari, di immissione dei treni turistici ( treno barocco, collegamenti Siracusa – Ragusa – Gela – Agrigento ), l’istituzione dei collegamenti da e per l’aeroporto con le provincie limitrofe e relativi interventi di manutenzione della stazione di Comiso ( messa in sicurezza, riapertura  del 2° e 3° binario e fabbricato viaggiatori),  il potenziamento delle corse  da e per Pozzallo in coincidenza degli arrivi e delle partenze del catamarano per Malta, la istituzione di bus navetta tra la stazione di Comiso e l’aeroporto, tra la stazione di Pozzallo ed il porto e tra tutte le stazioni in cui occorra trasferire gli studenti pendolari.

Tra le altre rivendicazioni anche lo sblocco dell’iter progettuale per la realizzazione della metroferrovia di Ragusa, il ripristino del servizio merci ( merci pericolose, trasporto marmi e polietilene prodotto a Ragusa), salvaguardia del patrimonio  ferroviario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*