Crisi e staffetta, è lotta per il governo

Print Friendly, PDF & Email

imageDue prime donne che vogliono la stessa poltrona. Così si potrebbero riassumere gli avvenimenti che si stanno svolgendo in queste ore e che sono le notizie principali di tutti i telegiornali. Ipotesi ormai concreta della staffetta a Palazzo Chigi tra Enrico Letta e Matteo Renzi. 

Dopo l’incontro tra il capo dello Stato e il giovane segretario del Pd si è capito che il PD mette in dubbio la solidità dell’attuale governo e sfodera l’idea di un  nuovo esecutivo guidato dal rottamatore di Firenze che deve “raschiare il barile” per trovare un appoggio concreto per la sua eventuale corsa a palazzo Chigi.

La scelta dunque è ormai circoscritta a Letta-bis o Renzi.

Forza Italia dice no e vuole le elezioni anticipate. Scelta Civica le dimissioni di Letta. M5S dispLETTA-RENZIrezza tutto e tutti.

L’attuale premier tronca qualsiasi voce sulla staffetta, non demorde, non mostra nessuna intenzione di farsi da parte e cerca un estremo rilancio: “presenterò un programma di coalizione e di governo per i prossimi tempi che vedrete è convincente”.

Ma ormai il percorso di una crisi sembra avviato, pertanto la decisione sulla legge elettorale può essere ancora rimandata, segno evidente che l’attenzione è tutta concentrata su quello che accadrà nelle prossime ore tra Premier e segretario.  La patata bollente è ufficialmente in campo: staffetta tra Renzi e Letta e accelerazione verso la crisi. “ La batteria del governo è scarica – non ha dubbi Renzidobbiamo decidere se va ricaricata o cambiata”. Mentre Letta è “pronto a un patto coalizione che convincerà i partiti”.

Attesissima e tesissima la decisione che prenderà la direzione del PD. La crisi parte dal Quirinale, Renzi e Napolitano si confrontano sulla situazione politica. Il contenuto non è noto, ma il segretario decide di anticipare la direzione cruciale del partito sul governo. Segno che la situazione sta evolvendo e più rapidamente del previsto. La questione della riforma elettorale pesa sulla testa di Renzi come la spada di Damocle e la staffetta a Palazzo Chigi sembra più che concreta per poter manovrare direttamente il complicato panorama politico. Quello che si prospetta è un governo di legislatura con cambio di cavallo. Nuovo governo e nuova personalità si affacciano nel nostro orizzonte politico, la partita è tutta interna al Pd. I numeri per un governo Renzi ci sarebbero.

La partita è a due, e noi avremmo un capo del governo scelto per la terza volta dalla politca e  non dal risultato elettorale. È successo con Monti nel 2011. È successo l’anno scorso con Letta e succederebbe questa volta con Renzi.

Ma conviene a Rel43-letta-renzi-131213191027_bignzi andare a Palazzo Chigi e giocarsi il tutto per tutto?

Gli conviene solo se sceglie la strada del comando e della decisione di formare una grande coalizione di azione che riuscirà a rivoltare come un calzino il paese. Molti gli ostacoli ma, visto che il suo successo si deve alla sua immagine di trasparenza e di possibilità di cambiamento a Renzi non rimane altro da fare che passare da rottamatore a costruttore e trasformare l’Italia in un paese normale. Riuscirà?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*