Il Malato Immaginario alla Casa di Pulcinella di Bari

Print Friendly, PDF & Email

10897868_831719583552284_2791661833458380933_nGiovedì 12 Febbraio al Granteatrino Casa di Pulcinella di Bari la compagnia  L’Occhio del Ciclone Theater presenterà la prima de “Il Malato Immaginario” di Moliere.

Uno dei testi più conosciuti e più divertenti di Moliere, messo spesso in scena in questo periodo carnevalesco, racconta la storia dell’ipocondriaco Argante, sepolto vivo in casa dal suo male immaginario e circondato da uno stuolo di medici ciarlatani e truffatori, che approfittano della debolezza emotiva di Argante per derubarlo.

Nell’intreccio della storia entrano a far parte anche altri personaggi significativi come la povera figlia di Argante, la dolce Angelica, innamorata di Cleante.

Angelica, vittima della malattia immaginaria del padre e del suo egoismo, viene minacciata di essere spedita in convento se non accetta di sposare Tommaso Diaforius, figlio del dottore di Argante, giovane sciocco e pedante che però, laureandosi in medicina, gli assicurerà la possibilità di avere un medico in famiglia.

In tutto ciò la seconda giovane moglie di Argante, Belinda, innamorata invece del patrimonio del marito, appoggia naturalmente l’idea del convento, incoraggiando le già tanto deliranti elucubrazioni mentali del marito. La storia naturalmente, come ben sappiamo terminerà a lieto fine, senza però lasciare dietro l’allegria delle maschere un’amara riflessione sulla natura dell’uomo e sulle sue inquiete illusioni.

Lo spettacolo che andrà in scena il 12 Febbraio, con la regia di Gianfranco Groccia  e con la partecipazione di Lino De Venuto, ci presenta l’opera di Moliere inserita in un contesto moderno e molto attuale: siamo infatti nel 1970.

Moliere ne “Il Malato Immaginario” esprime tematiche che si sposano perfettamente con i giorni che stiamo vivendo. Un satira amara e incisiva nei confronti della medicina e degli uomini che spesso, nella loro debolezza e creduloneria, si fanno abbindolare da medici fanfaroni piuttosto che da maghi imbonitori, che hanno il solo scopo di spillare quattrini, incuranti dello stato fisico e mentale del paziente.

Groccia e De Venuto, così come Moliere all’epoca, sfidano l’uomo e la società. Lo spettatore è chiamato in causa, quale maschera indosserà per questo Carnevale?

Date: 12-13-19-20-21 Febbraio 2015 ore 20.30

Granteatrino Casa di Pulcinella

C/o Arena della Vittoria 4/A Bari

Adattamento Gianfranco Groccia, Giambattista De Luca

Scene e regia Gianfranco Groccia

Attori:
Lino De Venuto, Giambattista De Luca, Maurizio De Vivo, Ornella Legrottaglie, Enrico Milanesi, , Antonella Ranieri, Cristiana Ruggieri, Michele Scarafile , Anna Volpicella

Collaboratori:

Luci e fonica Nicola Santamato

Trucco Giusy Laghetti

Foto di scena Mario Vitale

Scenotecnica Emanuele Hila

info: 3397403816 – 3395222221

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*