Premio “Marina Metri” per l’attore Alessandro La Rosa

Print Friendly, PDF & Email

ale premiazione

ACTITALY è il primo festival itinerante per attori e, quella di quest’anno è la prima edizione. L’ideatrice e direttrice artistica di questa encomiabile iniziativa è la bravissima Fioretta Mari, attrice, cantante ed insegnante di recitazione e dizione che vanta una lunga e qualificata esperienza in campo teatrale realizzando molte tourne’ in giro per tutta Europa ed America. Milleottocento circa il totale dei partecipanti provenienti da varie parti d’Italia ma soltanto centocinquanta hanno avuto l’onore di accedere alla semifinale svoltasi al Teatro Parioli di Roma il 3 luglio u.s.

Tra i vari riconoscimenti c’è il premio “Marina Metri” dedicato proprio all’autrice RAI prematuramente scomparsa.

 

Nato a Catania il 20 luglio 1981,  Alessandro La Rosa sin da giovane, mostra una  predisposizione alle attivita’ artistiche  di ogni genere. Diplomato al liceo artistico,  debutta come attore nel 2000 presso  la compagnia amatoriale C.A.F.  per poi lavorare a fianco dell’artista Giusi Campione,  interpretando opere da lei scritte e dirette come  “Il risveglio di Dafne”, “Cantando d’amuri di Sicilia”.

Successivamente a tali esperienze, frequenta  il “Centro Sperimentale siciliano di Cinematografia”  diretto da Adriano Chiaramida, stages e laboratori  per perfezionare le tecniche di recitazione, regia e scrittura cinematografica, studiando con artisti come Mario Donatone,  Francesca Ferro, Fioretta Mari, Rossella Izzo, Anna Strasberg,  John Real. La prima apparizione in video, da protagonista e’ nel cortometraggio thriller “Placebo” del regista Matteo Muzi presentato al Catania Film Festival.

A tutto questo si aggiunge la tournée siciliana con la “Carmen” di Bizet con la regia di Roberto Cresca che vede protagonista Antonella Colaianni, e la tournée italiana con lo spettacolo “La cura del ponte” di Mario Alessandro Paolelli.

Sono stati, per Alessandro La Rosa, tre giorni intensi e pieni di emozioni quelli della partecipazione ad ACTITALY, prima emozione tra tutte la possibilità di poter calcare il palcoscenico del Teatro Parioli, poi quella impagabile di poter apprendere da artisti come Pingitore, Andrea Iervolino, Mariella Nava, Marisa Laurito, Filippo Ascione e tanti altri, che si sono messi a disposizione per trasmettere la propria esperienza, per confrontarsi e consigliare qualcosa di straordinario, di artisticamente “pregiato”.

Straordinariamente bravi anche tutti i partecipanti, ognuno nella propria categoria (prosa, musical, comici, teen). Tanti ragazzi con la voglia di comunicare, con la fame di “arte” vera, pulita, sentita e capace di riempire di gioia ogni cuore appassionato di teatro.

  • L’arte è cultura e vita e vedere tanti giovani che condividono lo stesso amore e la stessa passione è davvero emozionante- ci dichiara il vincitore, Alessandro La Rosa.Lo abbiamo incontrato, per una breve intervista, al centro di una assolata Catania, davanti ad una rinfrescante granita.

Cosa ti ha spinto a partecipare a questo concorso?

Sono venuto a conoscenza di ACT attraverso internet. Inizialmente non ero intenzionato a partecipare ma, incoraggiato da amici ho scelto di compilare il modulo d’iscrizione e partecipare alla preselezione del 1 maggio scorso ad Aci Trezza – Aci Castello CT.

Spiegaci esattamente quali erano le categorie e dove hai fatto le selezioni.

Le categorie erano prosa, comici, musical, e teen – categoria di attori minori. In più si concorreva ai premi speciali. Le selezioni sono state fatte presso l’Hotel “Marina Paleca”di Acitrezza, Aci Castello – CT.

Quali parametri hai seguito per la scelta del testo?

Leggendo il regolamento il bando prevedeva dei premi speciali sui testi inediti e un riconoscimento sulla cultura della terra di origine, quindi la scelta è stata abbastanza semplice perché avevo un testo inedito scritto da Antonietta Sturiale, che ho dovuto riadattare per renderlo idoneo al bando.

Quale categoria hai vinto?

Il premio speciale “Marina Metri” – Esercizi di Stilo per la nuova drammaturgia con il testo dal titolo “Nevica Fuoco” con la seguente motivazione: “Riconoscimento speciale al miglior pezzo di nuova drammaturgia per la scrittura, la passione e la personalità espressa con il testo”.

 

Il complimento piu’ bello che hai ricevuto.

Il complimento piu’ bello è stato “hai un cuore sincero”.

Cos’è per te il successo?

Il successo per me? E’ quando riesco a trasmettere le mie emozioni al pubblico o comunque a chi mi ascolta.

Cosa ti aspetti da questa esperienza?

Questa esperienza mi ha già dato tantissimo, ha dato un riconoscimento al meraviglioso testo e all’interpretazione data, mi ha dato la consapevolezza che l’umiltà, la semplicità e il rispetto tra artisti sono ingredienti fondamentali per una crescita artistica e umana e  cio’ ci fa essere tutti vincitori. E’ importantissimo credere in ciò che facciamo e in ciò che desideriamo raggiungere.

 

Si è concluso un capitolo di un libro scritto con il cuore. Pronti per aprirne un altro, con umilta’ e spirito di sacrificio. E tanta passione, tantissima di quella passione che da Alessandro La Rosa trasuda da ogni suo sguardo.

Avanti cosi’, verso un nuovo traguardo.

ale premio

ale giuria 2

ale giuria 3

ale giuria 4    ale giuria ale giuria 1

Alessandro La Rosa

 

 

 

 

http://www.alessandrolarosa.it/

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*