Una catena umana per la pace

Print Friendly, PDF & Email

11707971_485829868243425_6340397036415402624_oIn occasione del 40esimo anno Amnesty Italia, sta organizzando con la collaborazione della ONG “Insieme si può”, alla realizzazione di un grande evento, una catena umana che abbraccerà le tre cime di Lavaredo sulle Dolomiti. L’evento si terrà domenica 13 settembre 2015 in collaborazione con il Comune di Auronzo e il Consorzio Turistico Tre Cime.

Sulle Tre Cime di Lavaredo una Catena Umana si prenderà simbolicamente per mano e farà il giro del mondo all’insegna della pace a cento anni dalla prima guerra mondiale. In prima linea l’impegno per i diritti umani. Una catena umana per chiedere libertà, giustizia e pace. Ovunque, per chiunque.

Nella terra di frontiera dove cento anni fa si combatteva la Grande Guerra, seimila persone e dodicimila mani si uniranno in una lunga catena umana per proteggere simbolicamente ogni donna, ogni uomo, ogni bambino a cui ancora oggi sono negati i diritti umani fondamentali: dal diritto alla libertà di espressione al diritto al cibo, dal diritto alla salute a quello all’istruzione, dal diritto di vivere liberi dalla tortura al diritto a un alloggio adeguato.

L’evento è patrocinato dal Senato della Repubblica, la Camera dei Deputati, la Regione Veneto , la Provincia di Belluno, vari comuni e associazioni, e realizzato in collaborazione con il Lab Fest della Fondazione Unesco. All’evento saranno presenti rappresentanti di varie sezioni europee di Amnesty: Amnesty Slovenia, Amnesty Croazia, Amnesty Germania, Amnesty Belgio, Amnesty Spagna, Amnesty Irlanda.

tre-cime-lavaredoChiunque abbia a cuore il tema dei diritti umani nel mondo può essere al fianco di Amnesty in questa occasione straordinaria, perché il messaggio di libertà, giustizia e pace che la Catena Umana porterà nel mondo, può risuonare ancora più forte grazie alla partecipazione dei tanti sensibile alle tematiche portate avanti dall’organizzazione umanitaria.

Per iscriversi all’evento e accedere a tutte le informazioni:

www.dolomitidirittiumani.org

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*