Maltempo in Sicilia

Print Friendly, PDF & Email

nubifragio_catania grandeLa Sicilia si lecca le ferite inferte dalla forza del vento e dall’intensità degli acquazzoni che si sono abbattuti sul territorio. Si contano i danni dopo i nubifragi dei giorni scorsi. Tutta la Sicilia è stata investita da una forte ondata di maltempo. Migliora la situazione meteo ma rimane l’allerta. E’ stata pioggia da allarme rosso per rischio idrologico.

122405908-eac28d82-d9ba-40c9-90fe-aa0b51ac4a5cLa bomba d’acqua che ha colpito la zona orientale è stata violenta soprattutto a Catania, diversi gli automobilisti rimasti intrappolati dall’acqua nelle loro auto. Interrotta la linea ferroviaria Messina-Catania per il fango e i detriti franati sui binari, salvo ulteriori peggioramenti climatici il ripristino totale alla normale viabilità è previsto a breve.

image_1025Momenti drammatici a Bagheria e nella zona del Messinese, numerosi gli interventi dei vigili del fuoco e della Protezione civile per alberi e massi abbattuti, frane. Le situazioni più critiche a Giardino Naxos e Taormina, allagate da acqua, detriti e fango. La fragilità del territorio è sotto gli occhi di tutti, in questo clima che varia da bollente a repentini nubifragi e trombe d’aria. Il contrasto diventa esplosivo e l’intensità della pioggia è il fenomeno che ne consegue. La quantità d’acqua poi è stata praticamente raddoppiata per via degli autentici fiumi in piena che riversavano un’enorme massa d’acqua con l’aggiunta di foglie e rifiuti.

Una vera e propria bomba d'acqua ha colpito in città con vento oltre i 100 chilometri orari. Il "Ciclone Gea" annunciato dai meteorologi è arrivato con tutta la sua potenza. Alberi sradicati, strade allegate, traffico e treni bloccati, Padova, 7 Luglio 2014. ANSA/ DAVIDE BOLZONI

Piogge torrenziali che non aiutano il terreno anzi lo costringono a frane e relativa siccità che danneggieranno le pregiate colture dell’isola. Il conto per l’agricoltura potrebbe essere molto pesante. E l’autunno pare non prometta bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*