Sei società moderne dove le donne letteralmente governano

Print Friendly, PDF & Email

collectie_tropenmuseum_een_groep_minangkabausche_vrouwen_en_meisjes_poseert_in_klederdracht_uit_batipuh_minangkabau_west-sumatra_tmnr_10002777

Chi governa il mondo? In queste sei società: le ragazze.

Per definizione standard una matriarchia è una “famiglia, un gruppo o uno stato governato da una matriarca (una donna che è il capo di una famiglia o di una tribù)”. Gli antropologi e le femministe hanno creato classificazioni più specifiche per le società femminili includendo il sistema matrilineare. La matrilinearità si riferisce non solo al tracciare la propria genealogia attraverso le antenate da parte materna, può anche riferirsi a un sistema civile nel quale si eredita una proprietà attraverso la linea femminile. Mentre le leggendarie Amazzoni (probabilmente la matriarchia più ampiamente conosciuta) sono relegate alla mitologia ci sono un gruppo di società governate da donne che esistono nel mondo reale oggi.

  • Mosuo

 

I Mosuo vivono vicino al confine del Tibet nelle province dello Yunnan e del Sichuan e sono forse la società matrilineare più famosa. Il governo cinese le classifica ufficialmente come parte di un’altra minoranza etnica nota come Naxi ma le due sono distinte sia per la cultura che per la lingua.

I Mosuo vivono in grandi famiglie allargate: a capo di ognuna di esse c’è una matriarca. La genealogia è tracciata attraverso il lato femminile della famiglia e le proprietà passano in eredità attraverso la stessa matrilinea. Le donne Mosuo gestiscono, in modo tipico, le decisioni di affari e gli uomini la politica. Le figlie e i figli vengono allevate/i nella casa della madre e prendono il suo nome.

I Mosuo hanno quelli che vengono chiamati “walking marriages”, matrimoni camminanti. Non c’è l’istituzione del matrimonio; piuttosto le donne scelgono i loro partners letteralmemte camminando verso la casa dell’uomo e le coppie non vivono mai insieme. Poiché la prole viene sempre curata dalla madre il padre talvolta gioca un ruolo piccolo nella crescita. In alcuni casi l’identità del padre non è neanche nota.

  • Minangkabau

 

Con quattro milioni di persone i Minangkabau di Sumatra occidentale in Indonesi sono la più grande società matrilineare nota oggi. In aggiunta alla legge tribale che richiede che tutte le proprietà del clan siano tenute e lasciate in eredità di madre in figlia i Minangkabau credono fermamente che la madre sia la persona più importante nella società.

Nella società Minangkabau le donne generalmente governano il regno domestico mentre gli uomini prendono i ruoli di leadership politica e spirituale. Comunque entrambi i generi sentono che la separazione dei poteri li mantenga a un uguale livello. Dopo il matrimonio ogni donna acquisisce i propri quartieri per dormire. Il marito può dormire con lei ma deve andarsene la mattina presto per fare colazione a casa di sua madre. All’età di 10 anni i ragazzi lasciano la casa materna per stare nei quartieri degli uomini e imparare le abilità pratiche e gli insegnamenti religiosi. Mentre il capo del clan è sempre un uomo le donne lo selezionano e possono rimuoverlo dall’ufficio se dovessero percepire che ha fallito nell’ottemperare ai suoi doveri.

  • Akan

 

Il popolo Akan è in maggioranza in Ghana dove risiede in modo predominante. L’organizzazione sociale Akan è costruita fondamentalmente intorno al “matriclan”, al clan matriarcale, dove vengono determinate la propria identità, eredità, salute e politica. Tutti le fondatrici del “matriclan” sono donne ma gli uomini generalmente hanno posizioni di leadership all’interno della società. Questi ruoli ereditati, comunque, sono trasmessi in modo matrilineare, cioè attraverso le madri e le sorelle dell’uomo. Spesso ci si aspetta che l’uomo non solo mantenga la sua famiglia ma anche le sue parenti.

  • Bribri

 

I Bribri sono un piccolo gruppo indigeno di poco più di 13.000 persone che vivono in una riserva nel cantone Talamanca nella provincia Limòn del Costa Rica. Come molte altre società matrilineari i Bribri sono organizzati in clan. Ogni clan è composto da una famiglia allargata e il clan viene determinato attraverso la madre/le donne. Le donne sono le uniche che tradizionalmente possono ereditare le terre. Le donne posseggono anche il diritto di preparare il cacao usato nei sacri rituali Bribri.

  • Garo

 

Molto similmente ai loro vicini Khasi nello stato indiano nord orientale do Meghalaya i Garos di lingua tibetana-birmana si tramandano le proprietà e la successione politica da madre a figlia, in modo tipico la figlia più giovane eredita la proprietà della madre. In modo molto simile al popolo Akan, comunque, la società è matrilineare ma non matriarcale: gi uomini governano la società e gestiscono le proprietà.

Spesso si organizza il matrimonio della figlia più giovane. Ma per le figlie che non ereditano il processo può essere più complesso. Nella tradizione Garo ci si aspetta che il futuro sposo rifiuti una proposta di matrimonio chiedendo alla famiglia della futura sposa di “catturarlo” e rimandarlo al villaggio della sua potenziale sposa. Questo su e giù viene ripetuto finché o la sposa si arrende o lo sposo accetta la sua proposta (spesso dopo che lei ha fatto molte promesse di servirlo e obbedirgli). Una volta sposati il marito vive nella casa della moglie. Se non dovesse funzionare l’unione viene sciolta senza uno stigma sociale poiché il matrimonio non è un contratto vincolante.

  • Nagovisi

 

I Nagovisi vivono a Bouganville del Sud, un’isola a occidente della Nuova Guinea. L’antropologa Jill Nash ha riferito che la società Nagovisi è divisa in une porzioni matrilineari che sono a loro volta divise in “matriclans”. Le donne Nagovisi sono coinvolte nella leadership e nelle cerimonie ma hanno il maggiore orgoglio nel lavorare le terre intitolate a loro. Nash ha osservato che quando arriva al matrimonio la donna Nagovisi considera il giardinaggio e la sessualità condivisa di uguale importanza. Il matrimonio non è istituzionalizzato. Se una coppia viene vista insieme, dorme insieme e l’uomo assiste la donna nel suo giardino, sono considerati sposati per tutte le intenzioni e gli scopi.

http://mentalfloss.com/article/31274/6-modern-societies-where-women-literally-rule

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*