Print Friendly, PDF & Email

varietà

Piccolo Grande Varietà

di Marot’s (Mario e Ottavio Sangani)

Regia di Mario Sangani al Teatro Vitaliano Brancati di Catania

In un calderone spumeggiante e coinvolgente, dai ritmi piacevolmente frenetici, un excursus storico artistico del ‘900, tra balli, canti, musica e comicità, “Piccolo Grande Varietà” riscuote grande successo di pubblico e critica.

Una sala gremita di spettatori entusiasti, nonostante fosse già la seconda replica del giorno, mercoledì 6 gennaio assistiamo ad uno spettacolo nello spettacolo, valorizzato dalle scene semoventi e ”luccicanti” di Carmelo Miano, dai costumi appropriati e sfarzosi delle Sorelle Rinaldi, le godibili coreografie di Carmelita Mazza, le atmosferiche luci di Riccardo Nicoloso, elaborazioni musiche di Ottavio Sangani. Il bravissimo e raffinato Maestro Nino Lombardo, guida con mestiere l’orchestra “Belle Epoque” composta da M. Fabio Raciti (I violino), Toti Famiani (II violino), walter Roccaro (contrabbasso), Orazio Pulvirenti (batteria). Applauditissimo e gradito particolarmente dal pubblico, la performance artistica di Claudio Musumeci che, accompagnato dal Maestro Lombardo esegue con classe e bravura, uno dei brani più conosciuti di Frank Sinatra, “The Lady is a trump”.

Narratore ed elegante conduttore di questo viaggio nello spettacolo è il bravo ed istrionico attore, autore e regista Emanuele Puglia, che introduce con classe e naturalezza,  ogni singolo numero di cui si compone il varietà, spiegandone con cura i vari passaggi storico artistici.

Il soprano Cosetta Gigli ed il tenore Edoardo Guarnera, la cantattrice Mariannna Mercurio ci accompagnano in un viaggio fatto di canzoni storiche e cavalli di battaglia di celebri soubrette, dal cafè chantant fino al musical del dopoguerra, passando per il tabarin, la rivista e l’avanspettacolo. Da “Dove sta Zazà” a “Chi me piglia pe francese”, da “Copacabana” a “New York, New York”, da “Nessun dorma” , tratta dalla Turandot a “Frou frou del tabarin”, canto tipico dell’avanspettacolo in un vorticoso cambio di ambientazione e costumi, con grande padronanza e disinvoltura e coinvolgendo un pubblico attento, divertito e partecipe. I nostri artisti strappano applausi e sonori consensi.

Il balletto “Danzylabuss”, è composto da giovani artisti ben coreografati: Alessandra Cardello, Alessandro Caruso, Roberta D’Amico, Martina Luca, Mario Mannino, Finuccia Pistorio, Giorgia Terrasi e Maria Giovanna Valenti.

Il macchiettista  Salvo Scuderi diverte nella sua disinvolta interpretazione di canzonette ironiche e burlesche al tempo del varietà, beffeggiato dai frequentatori dei locali, ben rappresentati in scena dai bravi e giovani attori Marina La Placa, Emiliano Longo, Marina Puglisi, Claudia Sangani, Valerio Santi e Giovanni Strano.

I siparietti comici del “Piccolo Grande Varietà”, sono affidati ad un grande attore comico del panorama artistico nazionale, il bravissimo Tuccio Musumeci, mattatore indiscusso dello spettacolo che, in coppia con il poliedrico attore Enrico Manna, danno vita ad esilaranti sketch già noti ai più, rivisitati in modo personale ed originale.

I due “compagni” sulla scena, mostrano grande affiatamento divenendo, a tratti, l’uno spalla dell’altro.

Degna di menzione, la scenetta della moglie sonnambula, interpretata dalla bravissima attrice Marina La Placa e di quella ben più nota della callista, che reca volto e corpo di Marianna Mercurio.

Con l’avvento della televisione, lo spettacolo di varietà diventa retaggio del piccolo schermo perdendo il contatto ed il calore del pubblico, prerogative essenziali dei palcoscenici teatrali.

Chissà se non è proprio  questo a rappresentare l’inizio dell’agonia della cultura teatrale del nostro tempo.

2-Edoardo-Guarnera-e-Cosetta-GigliEdoardo Guarnera e Cosetta Gigli

comico e spalla

Enrico Manna e Tuccio Musumeci

enrico e tuccio

marianna mercurio Marianna Mercurio

claudio e il maestro lombardo

Claudio Musumeci e il Maestro Nino Lombardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*