“Il paradisino delle femmine” al teatro La Fonte di Bagno a Ripoli (FI)

Print Friendly, PDF & Email

 il paradisino delle donne

Sorrisi e risate di vero cuore intrisi anche di commozione: questo e tanto altro abbiamo vissuto ieri sera al teatro La Fonte a Bagno a Ripoli con la commedia inedita, scritta e diretta da Lombardo Lombardi a cui iniziamo a fare i nostri più calorosi e sentiti complimenti sia per la storia da lui immaginata che anche per la colonna sonora scelta; complimenti anche allo staff tecnico composto da Elena Palloni e Sonia Fiaschi, perfette le loro coreografie, e da Daniela Ricci e Rossella Mugnai, originali e divertenti i costumi da loro creati.

“La vecchiaia non esiste” è il sottotitolo di questa deliziosa commedia che si svolge in una casa di riposo dove convivono cinque donne ormai anziane e sole insieme a un infermiere tuttofare e alla direttrice; questa in sintesi la sinossi che non rende merito alla straordinaria bravura delle sei attrici e dell’unico attore sia per la recitazione che per la gestualità.

Le cinque formidabili ospiti del “piccolo paradiso” vogliono essere tutte primedonne e ognuna di loro ha una caratteristica che viene perfettamente enfatizzata: Cristina Torrisi è Lucia, rigida figlia di un alto ufficiale ed ex primadonna dell’alta moda, Debora Ricci è Wilma che pensa sempre a mangiare per probabili pregresse carenze affettive, Fiamma Dini è Vania che fa sempre sogni erotici anche a occhi aperti, Rossella Mugnai è Nella che soffre ancora tanto per la fine del suo matrimonio e infine Patrizia Ficini che è Amanda, anche lei ex star dell’alta moda come Lucia, che avrà un ruolo importante di pacificatrice di passati rancori. Insieme a loro un bravissimo Gabriele Zeetti che dà vita ad Alberto, l’infermiere dai molteplici altri ruoli (bellissima la poesia da lui recitata nel finale, poi chiederò al regista chi ne sia l’autore o autrice…) e davvero brava anche Gianna Lazzareschi Belloni nel ruolo della signora Rita, la direttrice della casa di riposo.

Inattesa e perfetta la conclusione che trasforma le anziane ospiti in soubrettes del cabaret insieme ad Alberto e a Rita, un’idea assolutamente originale per sottolineare il messaggio che la vecchiaia non esiste e che dobbiamo sorridere alla vita: grazie al regista e al cast per questo messaggio pieno di positività.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*