Via l’evoluzionismo dai licei turchi

Via l’evoluzionismo dai licei turchi

Print Friendly, PDF & Email

 

La notizia dell’esclusione della teoria dell’evoluzionimso dai curriculum dei licei turchi ha fatto il giro del mondo sollevando ovviamente sdegnose commenti in Occidente e allontanando ancora di più l’adesione della Turchia alla UE, se mai ce ne fosse stato ancora bisogno.

Cerchiamo di approfondire e contestualizzare la notizia. In realtà non si tratta propriamente di un provvedimento operativo: semplicemente nelle bozze dei nuovi programmi per i licei, a partire dal 2019 la sezione “origine della vita ed evoluzione” verrebbe rimossa dal curriculum di biologia. La giustificazione è che essa sarebbe controversa e che gli alunni non avrebbero la maturità per giudicare del problema che sarebbe quindi rimandato all’università. Non appaiono motivazioni direttamente religiose ma è del tutto evidente che di esse si tratta: occorre quindi approfondire il problema.

Nel mondo islamico l’evoluzionismo è bandito solo nell’Arabia Saudita ma negli USA la polemica dura da decenni con risultati molto diversi secondo i casi mentre in Europa dopo gli aspri conflitti del passato oramai esso è insegnato senza obiezioni in tutte le scuole. Ricordiamo che nella riforma Moratti sembrò per un momento che si volesse seguire gli esempi d’oltreoceano ma in seguito a polemiche il ministro affermò che si era semplicemente trattato di un equivoco e, a nostro parere, era vero.

In realtà l’evoluzionismo dal suo sorgere ebbe un effetto dirompente nel mondo religioso divenendo quasi una bandiera. Per le religioni orientali, universismo cinese, buddismo e anche induismo non c’è veramente problema perché tali concezioni non comprendono un atto creativo della divinità: in qualche modo anzi l’evoluzionismo potrebbe apparire quasi una conferma. Per le religioni del libro (derivate dalla bibbia) invece l’atto creativo è centrale. Il racconto biblico non è compatibile con l’evoluzionismo, in particolare poi per quanto riguarda l’uomo. Dopo un lungo conflitto, la chiesa cattolica e le chiese protestanti tradizionali hanno accettato l’evoluzionismo correggendolo però con la teoria del “progetto intelligente” (intelligent design). Si afferma cioè che l’evoluzionismo non è spiegabile semplicemente con il caso, con la legge di probabilità ma che esso presuppone necessariamente una mente intelligente che in qualche modo lo ha predisposto. Si usano argomenti scientifici e razionali: in teoria la mente intelligente potrebbe essere anche un alieno ma per il credente è certamente Dio. Questo spiega come in Europa le polemiche siano state superate anche se qua e lì singoli pensatori credenti (e anche non) sollevano critiche.

In USA invece esistono molti movimenti che vengono definiti fondamentalisti (il termine poi è passato a indicare movimenti islamici) che intendono accettare letteralmente il racconto della genesi e quindi mettono in dubbio l’impianto stesso dell’evoluzionismo. Sollevano obiezioni scientifiche e non religiose che però vengono dichiarate pseudo scientifiche dai sostenitori. Nasce comunque l’idea che l’argomento sia controverso; in una recente indagine pare che negli USA un metà della popolazione appare scettica sull’evoluzionismo. L’affermazione turca quindi che si tratti di una materia controversa non nasce dal nulla.

Vediamo ora l’atteggiamento dell’Islam di fronte all’evoluzionismo. In realtà nei paesi islamici vi sono come due insegnamenti che non si incontrano. Le scuole pubbliche laiche adottano programmi e criteri occidentali e non si pongono problemi per l’evoluzionismo, dall’altra parte le scuole coraniche, le madrase, ignorano del tutto la cultura occidentale e il loro insegnamento è identico a quello dei secoli scorsi: tutto viene imparato a memoria come si usava in società in cui lo scritto era cosa rara.

Maometto accettò il racconto biblico ma raffermò che esso era stato inquinato e stravolto da cristiani e ed ebrei (i critici occidentali pensano che semplicemente non li conosceva anche perché non sapeva leggere). Si accenna però spesso alla creazione nel corano anche se in modo un po’ confuso. Adottando gli argomenti dei fondamentalisti americani, gli ambienti religiosi rigettano l’evoluzionismo: è successo lo stesso che per il negazionismo della shoah che nata in Occidente si è poi diffuso nel mondo islamico.

A prescindere dal conflitto particolare con il racconto biblico l’evoluzionismo viene accusato di essere poco compatibile con una visione religiosa della creazione che è poi il vero e più profonda motivo di conflitto anche con il cristianesimo.

Da aggiungere poi la componente nazionalista islamica. La progettata esclusione dell’evoluzionismo si inquadra anche in un movimento generale che vorrebbe modificare il modello puramente occidentale della scuola turca introdotto ai tempi di Kemal Ataturk: si vagheggia una scuola che sia meno auro-centrica e più adatta alla tradizione islamica che la Turchia va riscoprendo che ne valorizzi il contributo alla civiltà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*