Spettacolo lunare

Print Friendly, PDF & Email

I filosofi la contemplavano, i poeti la cantavano nei loro versi, gli scienziati la studiavano e noi, noi esseri umani non possiamo far altro che ammirarla nel suo splendore, parlare di lei e cercare aggettivi, attribuiti che possano essere accostati a codesta bellezza.
La luna, che si erge alta nel cielo, di notte in notte ci regala spettacoli meravigliosi, si palesa per intero per poi sparire a poco a poco nel buio delle tenebre.
Dopo 152 anni la nostra amata luna sarà protagonista, di nuovo, di un evento, anzi fenomeno unico cioè: il nostro satellite sarà in fase di plenilunio e nel punto più vicino alla Terra lungo la sua orbita.
La Luna attraverserà l’ombra della parte inferiore della Terra e di conseguenza, durante la totalità, la parte inferiore della Luna apparirà più luminosa di quella superiore. Questo fenomeno ha un nome “Luna Blu” o “Superluna”, termine coniato dall’astrologo Richard Nolle, indica il perigeo lunare (il nostro satellite raggiungerà la minima distanza dalla Terra).
Per coloro che si trovano in Nord America, Alaska, Hawaii, l’eclissi sarà visibile prima dell’alba del 31 gennaio, invece per coloro che si trovano in Medio oriente, Asia, Russia Orientale, Australia e Nuova Zelanda la potranno ammirare durante il sorgere della Luna la mattina del 31. Per quanto riguarda l’Italia, ahinoi, non potrà osservare tale evento perché avverrà durante il giorno.
Durata? Ben 77 minuti, minuti in cui la luna verrà ammirata dagli occhi milioni di spettatori che a bocca aperta fisseranno questo spettacolo naturale.
I prossimi appuntamenti con la Superluna saranno il 31 dicembre 2028 e il 31 gennaio 2037 (entrambe eclissi totali).
Non ci resta che attendere stanotte per vedere se la luna riuscirà a sbalordirci e ammaliare con il suo splendido fascino. Buona luna a tutti!

TOPSHOT – A Supermoon rises against the skyline in Madrid on November 14, 2016.
The phenomenon happens when the moon is full at the same time as, or very near, perigee — its closest point to Earth on an elliptical, monthly orbit. It was the closest to Earth since 1948 at a distance of 356,509 kilometres (221,524 miles), creating what NASA described as “an extra-supermoon”.
/ AFP / GERARD JULIEN (Photo credit should read GERARD JULIEN/AFP/Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*