Il punto sui Play Off di Serie C #2

Print Friendly, PDF & Email

Si sono ancora giocati solo due turni nella Poule Promozione del campionato di serie C1 ed è quindi presto per dare giudizi definitivi e trarre conclusioni. Quello che però si può affermare è che le tre davanti, Partenope Napoli, Cas Reggio Calabria e Ragusa, sono le squadre che a inizio stagione erano date come favorite per la vittoria finale.

Al momento, a guidare la classifica c’è la coppia Partenope-Cas, con 9 punti, frutto di due vittorie su due, tutte in casa per i calabresi, una dentro e una fuori per i campani. Segue a ruota, tre punti sotto, il Ragusa, sconfitto alla prima in terra calabra, vittorioso la domenica successiva in casa.

Trepuzzi, Santa Maria CV e Bari seguono senza troppa convinzione, per i punti o per quanto fatto vedere in campo: Trepuzzi, pur essendo a soli cinque punti dalla vetta, considerando il gioco messo in mostra 10 giorni fa al “della Costituzione” di Ragusa non ci sembra in grado di poter puntare alla promozione, mentre le altre due, dopo due sconfitte consecutive, difficilmente potranno recuperare il terreno perduto, nonostante in gioco ci siano ancora 40 punti.

Dunque Partenope, Cas, Ragusa. Ma chi sarà davanti a tutti la sera del sei maggio?

Il Ragusa ha debuttato con la sconfitta di Reggio, ma a voler guardare bene quel passo falso è stato provocato più da un fattore esterno (la direzione veramente deficitaria del signor Scopelliti) che da una netta superiorità della squadra reggina. Il 24-17 non fotografa quanto realmente si sia visto in campo. Il 36-7 della domenica successiva ai danni dei salentini, e il risultato sarebbe potuto essere più rotondo senza alcuni back out dei padroni di casa, ha reso giustizia al valore della squadra di German Greco.

Il Cas è partito con il botto: il successo con Ragusa vale doppio perché ottenuto con una diretta concorrente e perché la vittoria non era per niente scontata. Il bis con Bari ha solo confermato che il XV di Saro Poma è quadrato ed è uno dei candidati al successo finale. Avendo vinto due volte in casa, c’è solo da verificare la reale tenuta quando la squadra si troverà ad affrontare gli avversari fuori dalle mura amiche.

La Partenope, per tradizione, forza e struttura societaria, è forse la più accreditata per la promozione in B. Alla prima i ragazzi di Marcos Reyna hanno vinto facile, in casa, con le Tigri di Bari, mentre la domenica successiva hanno battuto a domicilio il Santa Maria, squadra che, a detta di tutti, quando gioca davanti al proprio pubblico si trasforma e diventa quasi imbattibile. Alla luce di questi due risultati i napoletani sembrano quelli messi meglio fra le tre che al momento guidano la classifica.

Domenica prossima il calendario prevede: Trepuzzi-Bari, Ragusa-Santa Maria e Partenope-Cas e ciascun incontro potrà già dare un verdetto, se non proprio definitivo, quanto meno chiarificatore.

Nel derby pugliese, per i salentini vincere significherebbe mantenere ancora in vita una fiammella di speranza; vittoria che al contempo spegnerebbe ogni sogno di gloria per le Tigri.

Nel secondo incontro, per il Ragusa la vittoria è l’unico risultato ammesso: solo vincendo, possibilmente con bonus, gli iblei potrebbero continuare a sperare nella promozione, mentre per il Santa Maria una sconfitta significherebbe essere già fuori dai giochi.

Infine Partenope-Cas, lo scontro tra le due capolista. Chi vince resterà da sola in testa, la perdente probabilmente si vedrà superata dai ragusani. Ma se per i reggini una sconfitta potrebbe anche essere messa in conto, se a perdere fossero invece i napoletani, bisognerebbe rivalutare quanto la squadra di Reyna ha fatto nelle prime due giornate.

Domenica sera ne sapremo di più, avendo comunque la consapevolezza che, almeno per le tre di testa, tutto sarà ancora possibile. Restano sette incontri da giocare, e da qui a maggio può ancora accadere di tutto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*