Continua il grande freddo

Print Friendly, PDF & Email

È un inverno che resterà nella storia. Il Burian siberiano è in Italia con le sue masse di aria gelida che hanno investito tante città. Aria calda e fredda stanno giocando a ping pong regalandoci abbondanti nevicate e pioggia con sabbia del deserto. Il gelo attanaglia metà Italia, il ghiaccio fa paura. Fa freddo e tanto, un freddo che non accenna a diminuire. Pochi i temerari che mettono il naso fuori casa. Per il fine settimana la situazione è ancora critica con tempo instabile che oscillerà tra gelo e precipitazioni nevose. Marzo porta con sé l’avvio della stagione primaverile ma le condizioni meteo ci stanno già proponendo scenari poco tipici di questo periodo. Come sappiamo si parla di un mese di transizione, nel quale si onorano i contrasti termici, ma gli episodi nevosi verificati nei giorni scorsi, come coda dell’inverno appena trascorso, hanno dello straordinario. Un’Italia spaccata in due con tanto gelo e abbondante neve al nord, con temperature minime crollate su valori incredibili sulle Dolomiti, l’area del nostro Paese più esposta alle gelide correnti provenienti dalla Siberia che hanno sfiorato il -10°, mentre del tutto risparmiato e con uno splendido sole il sud dove le temperature minime sono state più o meno in linea con le medie del periodo, come se non fosse in atto alcuna ondata di freddo.

Roma con 10 cm di neve è un evento storico non solo perché è raro che nevichi nella capitale ma perché è tornata dopo sei anni di assenza totale, le immagini si restituiscono paesaggi da cartolina ma ovviamente per chi non è abituato a fronteggiare queste precipitazioni i disagi si moltiplicano.  Preparatissima invece Bologna che da giorni cosparge preventivamente le strade di sale “fondente” che ha la caratteristica di potere sciogliere il ghiaccio fino a 30 gradi sotto zero. Qui, i ragazzini, felici, giocano a palle di neve. Anche a Riccione sì è trovato il modo di divertirsi durante questa inconsueta abbondanza di neve in spiaggia e gli irriducibili non si sono fatti intimorire dalle gelide temperature e si sono tuffati coraggiosamente nelle onde del mare, mentre famiglie e bambini hanno sostituito i castelli di sabbia con i pupazzi di neve. A Milano da giorni sotto la coltre bianca il problema sono i senzatetto che vengono assistiti dalle associazioni di volontariato.

In questo inverno che non accenna a lasciare la morsa, scuole chiuse un po’ ovunque e raccomandazioni da parte della protezione civile che esorta ad uscire da casa solo per necessità e ben equipaggiati.

1 commento

  1. grazie per le dritte sul sito, lo proverò

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*