Firmata Sicilia la ricerca per la cura della sclerosi

Print Friendly, PDF & Email

Dal dott. Stefano Pluchino, ragusano, del Wellcome Trust-MRC Stem Cell Institute dell’Università di Cambridge, insieme a Nunzio Vicario e Nunzio Iraci del dipartimento di Scienze biomediche e biotecnologiche (Biometec) dell’Università di Catania lo studio che ha condotto alla scoperta di un nuovo meccanismo molecolare che riguarda le terapie con cellule staminali neurali che interferiscono con i meccanismi di neuroinfiammazione cronica in parte responsabili della progressione della malattia. Il rilevante studio è stato finanziato dall’Associazione italiana sclerosi multipla (Aism) e dalla sua Fondazione (Fism), insieme a European research council (Erc), Medical research council (Mrc), Congressionally-directed medical research programs (Cdmrp), Evelyn trust and the Bascule charitable trust.

Il dottor Stefano Pluchino da anni ha focalizzato la sua ricerca sul ruolo delle terapie con cellule staminali neurali nel trattamento di condizioni come la sclerosi multipla. Nel 2007 ha ricevuto il Premio Rita Levi Montalcini proprio per i suoi studi sui meccanismi di plasticità terapeutica delle cellule staminali neurali. Attualmente è professore associato di neurologia a Burlington nel Vermont (Usa) e ricercatore al Brain Repair dell’Università di Cambridge, ed è a capo di un gruppo di una ventina di medici, compresi otto italiani e tra questi un altro siciliano di Barcellona Pozzo di Gotto. Progetto di punta dell’equipe è lo studio delle interazioni tra cellule staminali e microambiente. Le ricerche del suo team si sono concentrate su un aspetto molto specifico della biologia della cellula: si tratta degli exosomi o vescicole membranose extracellulari, particelle di dimensioni molto piccole che si formano dalla membrana cellulare e servono a trasportare e scambiare diversi tipi di molecole tra le cellule. Molti studi sostengono che gli exosomi svolgano un ruolo chiave nella regolazione del metabolismo cellulare, delle risposte infiammatorie, della metastatizzazione dei tumori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*