Turno facile per il Ragusa Rugby

Print Friendly, PDF & Email

Domenica si chiude il girone di andata della Poule Promozione del Campionato di serie C di rugby con un turno interlocutorio che vede le battistrada impegnate con le tre che inseguono e che, almeno sulla carta, non dovrebbe sconvolgere più di tanto la classifica.

Sia la Partenope, impegnata a Trepuzzi, che il Cas Reggio, di scena a Santa Maria CV, non dovrebbero avere grosse difficoltà a tornare a casa con la vittoria in tasca. Tuttalpiù l’unica incognita potrebbe essere quella del punto di bonus. Tornare a casa con 5 punti piuttosto che 4 a fine stagione può fare la differenza e per questo le due battistrada faranno di tutto per marcare almeno 4 mete.

Più facile, invece, in considerazione del fatto che si giocherà al “della Costituzione”, l’impegno del Ragusa, che se la vedrà con le Tigri di Bari. Per i ragusani l’imperativo, oltre che vincere, è anche quello di aggiungere 5 punti agli attuali 11 in classifica.

Considerando che si gioca nel capoluogo ibleo e che i baresi, causa impegni lavorativi, dovranno probabilmente rinunciare a qualche elemento, gli uomini di German Greco non dovrebbero avere grosse difficoltà a centrare l’obiettivo.

«Quella di Ragusa», ci diceva Dario Stellato, apertura e uomo leader delle Tigri, «è la trasferta più lunga della stagione e purtroppo non tutti potranno rispondere “presente” alla convocazione dell’allenatore. Io stesso non sono sicuro di poter esserci. Venerdì sera faremo la conta e vedremo chi ci sarà e chi no».

Ma se Atene piange, Sparta non ride. Anche in casa iblea ci saranno diverse assenze, sia dovute a motivi di lavoro che per infortunio. L’organico del Ragusa è però abbastanza profondo e quindi coach Greco non dovrebbe avere difficoltà a schierare un XV competitivo.

I ragusani, con il ritorno in maglia bianconerazzurra di Ciccio Failla e Giovanni Zago nel reparto arretrato, e di Paride Vona e del recuperato Antonio Modica tra gli avanti, si sono parecchio rinforzati e possono senza dubbio lottare alla pari con le altre due pretendenti al trono. Certamente, chi vuole faccia i dovuti scongiuri, non potranno essere i baresi a contrastare la squadra iblea nella rincorsa verso la prima piazza. Le Tigri, a parte qualche elemento, sono una squadra giovane e stanno sfruttando questa parte di stagione esclusivamente per fare esperienza.

«Non abbiamo nessuna velleità di promozione. A noi questa seconda fase serve esclusivamente per fare esperienza. La nostra è una squadra giovane, l’età media è sui 22-24 anni. Infatti, se il nostro punto forte può essere il gruppo, il nostro punto debole è certamente la gioventù».

Nonostante tutto, comunque, i baresi hanno sempre giocato alla pari con gli avversari fin qui incontrati e per almeno un tempo sono rimasti in partita. «In diverse occasioni, come ad esempio è accaduto a Napoli, siamo stati superati solo negli ultimi 20 minuti».

Quindi, per il Ragusa, partita facile ma pur sempre da vincere in campo. E se si parte sottovalutando l’avversario, la vittoria potrebbe non diventare così scontata.

Fischio d’inizio alle ore 11.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*