Il punto (#4) sui Play Off di serie C

Print Friendly, PDF & Email

La prima palla è andata in buca, adesso ne mancano altre quattro. Così potrebbe rispondere un dirigente del Ragusa Rugby se qualcuno gli chiedesse un parere riguardo alla situazione della sua squadra.

Con la vittoria sul Cas Reggio Calabria, i ragusani hanno infatti centrato il loro primo fondamentale obiettivo di questa parte di stagione. Il successo era fondamentale perché solo con i cinque punti la squadra di coach Greco avrebbe potuto superare in graduatoria gli avversari e restare incollato alla battistrada Partenope Napoli.

Anche per il Cas era importante vincere: avrebbero eliminato dalla corsa una pericolosa concorrente e, a loro volta, sarebbero rimasti attaccati ai partenopei. Ai reggini, tutto sommato, la sconfitta non ha comunque fatto troppo male. È vero che adesso sono nella condizione di dover dipendere dalla vittoria del Ragusa sulla Partenope (si giocherà il 29 aprile) e sperare che gli iblei perdano per strada qualche punto, ma il doppio bonus conquistato domenica (quello per le 4 mete e quello per la sconfitta con meno di 8 punti) dà ancora un filo di speranza alla squadra di coach Saro Poma.

Tanto più che la Partenope, pur vittoriosa sul campo delle Tigri di Bari, non è riuscita a portare a casa il punto di bonus offensivo. Ciò ha permesso ai ragusani di avvicinarsi alla testa della classifica, mentre ai reggini di non allontanarsene troppo.

Questi risultati, insieme alla sconfitta casalinga del Santa Maria per mano del Trepuzzi, hanno decretato la matematica eliminazione dalla corsa al posto in B sia dei baresi che dei sammaritani. I trepuzzini, invece, una flebile speranza la possono ancora coltivare, ma devono assolutamente battere domenica prossima il Ragusa, meglio se con il bonus. Anche se si tratta, per lo più, di una speranza dettata quasi esclusivamente dalla matematica, più che dalla ragionevolezza.

Domenica, come detto, il Ragusa sarà di scena a Trepuzzi, il Cas andrà a far visita al Bari, la Partenope sarà impegnata in casa nel derby campano. È fuor di dubbio che l’impegno più facile sia quello della squadra di Marcos Reyna, mentre per siciliani e calabresi le trasferte in terra pugliese saranno quanto mai insidiose, anche se la loro caratura è certamente superiore a quella delle avversarie. Per tutte e tre l’obiettivo sarà la vittoria, se con bonus meglio.

Qui risultati e classifica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*