La Passalacqua batte ancora Schio e domenica giocherà per il tricolore

Print Friendly, PDF & Email

Ciò che deve accadere accade, cantavano i CSI qualche anno fa. E che oggi la Passalacqua Ragusa battesse nuovamente il Famila Schio doveva accadere. Perché arrivare a giocarsi un campionato in gara5 renderà ancora più bella la vittoria, chiunque riuscirà a fregiarsi del titolo di Campione d’Italia; perché dopo la quasi vittoria delle ragusane in gara2 sarebbe stata una beffa veder festeggiare le scledensi al PalaMinardi; e perché, ammettiamolo, perdere non fa mai piacere.

Ciò che deve accadere accade, e la Passalacqua, al termine di una partita condotta dal primo all’ultimo secondo (non è vero, le ragusane hanno messo la testa avanti solo al 6:08, tripla di Chiara Consolini e punteggio sul 9-7), è riuscita a impattare la serie, per giocarsi tutto domenica prossima al PalaRomare di Schio.

Il Famila, a sorpresa (ma nemmeno troppo, considerando sia la sua prestazione dell’altro ieri che le sue condizioni fisiche), lascia in tribuna Isabelle Yacoubou, e per la Passalacqua c’è un ostacolo in meno verso la seconda vittoria nella serie.

I primi minuti dell’incontro, comunque, sono avari di canestri, troppo sentita la gara per giocare con la testa libera. Si parte con una tripla della Tagliamento ma poi si stenta a trovare la via del canestro. Senza il pivot francese, Schio deve tirare anche da fuori e, per Ragusa, il pitturato non è più un’area tabù.

Trascorsi i primi minuti di sostanziale parità, poco prima della metà del quarto, inizia il festival delle triple: Consolini, Anderson, Kuster, Ndour. Si va avanti a tre punti alla volta per un paio di minuti, e il festival lo vince la squadra di casa. Al 4:44 il segnapunti indica 17-10 e coach Vincent corre ai ripari chiamando un time out. L’andamento dell’incontro, però, non cambia di tanto. Anzi, per il Famila sembra proprio notte profonda. A 1:47 Schio è sotto di 9 (26-17), a 1:15 di 11 (28-17), e il quarto si chiude sul 30-21. Sembra tutto facile per la Passalacqua. Ma ormai dovremmo averlo imparato, Schio non muore mai, nemmeno quando sembra stia per farlo.

Nel secondo quarto il Famila serra i ranghi, Ragusa trova con più difficoltà la via del canestro, e pian piano le ospiti si fanno sotto nel punteggio. Minuto dopo minuto il vantaggio delle biancoverdi si riduce e l’aggancio arriva sul 40-40, a 1:36. Reazione della Passalacqua e si va al riposo lungo sul 44-40.

Al rientro sul parquet, le due squadre iniziano a segnare e sbagliare in perfetta sincronia, con Ragusa che sta sempre avanti ma con Schio che non perde mai la scia. Massimo vantaggio ragusano al 1:27, 60-49, ma prima del suono delle sirena le Oranges tornano a -5 (60-55).

Anche nell’ultimo quarto le due squadre continuano a restare vicine nel punteggio, con distacchi che oscillano dai 3 ai 7 punti.

Si arriva così alle battute finali. Il pallone inizia a scottare e le mani diventano fredde. In tre minuti la Passalacqua mette dentro soli 6 punti, ma il Famila fa anche peggio (5 punti segnati).

Gli ultimi 90 secondi sono concitati e pieni di errori: sul 70-65 la Anderson sbaglia un tiro tutto sommato facile, la Spreafico fa lo stesso dall’altra parte; sul capovolgimento di fronte la Macchi viene stoppata; la Ndour nel cost to cost spreca la sua occasione, e lo stesso fa subito dopo ancora la Macchi. A questo punto, a 1:14 dalla fine, ci pensa Agnese Soli a mettere il punto finale: tiro in sospensione, due punti in più per la Passalacqua (72-65) e partita virtualmente chiusa. L’ultimo minuto sarebbe quello dei falli, ma le ragusane giocano in velocità e le ospiti hanno difficoltà commetterne uno. Ci riescono solo quando ormai mancano 30 secondi ed è troppo tardi per sperare nel recupero. Alla sirena il tabellone segna 73-66 e in campo e sulle tribune può partire la festa.

Domenica, palla a due alle ore 20:00, si assegnerà il tricolore. Per quanto visto in questa lunga sfida di finale, la Passalacqua ha tutte le carte in regola per sognare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*