Presentato “Si può fare!”, nel ricordo di Marcello Perracchio

Presentato “Si può fare!”, nel ricordo di Marcello Perracchio

Print Friendly, PDF & Email

È stato presentato ieri sera, al Teatro Ideal di Ragusa, “Si può fare!”, il volume che raccoglie i testi teatrali della scrittrice catanese Antonella Sturiale. Presenti anche l’attrice Federica Bisegna, il regista Vittorio Bonaccorso, che hanno recitato insieme al compianto Marcello Perracchio in “Fantasticheria”, l’adattamento teatrale della novella di Giovanni Verga che apre il volume della scrittrice catanese, il musicista Alessandro Cavalieri e la cantante Agata Raineri, che hanno rispettivamente composto e interpretato le canzoni della stessa pièce, la presentazione è nei fatti diventata essa stessa uno spettacolo teatrale e, al contempo, un omaggio all’attore ragusano scomparso lo scorso anno.

Un’emozionata Antonella Sturiale ha rievocato il suo incontro con Perracchio, avvenuto grazie all’amicizia che legava la Raineri a Federica Bisegna e Vittorio Bonaccorso, e la scelta del titolo del libro. «Eravamo a casa sua e lui, dopo aver letto il copione si è rivolto a me per dirmi “Autrice!” – lui mi ha sempre chiamata così – “Si può fare!”. Quando penso a quel momento non riesco a non commuovermi».

Vittorio Bonaccorso, turbato nel vedere Marcello nella foto di copertina, che ritrae l’attore ragusano in scena su una barca, ha ricordato: «Quando lavoravamo a “Fantasticheria” Marcello stava già male e aveva problemi di deambulazione e per questo motivo gli avevo costruito quella barca. Insieme a lui abbiamo deciso di portare in teatro l’adattamento di Antonella perché si trattava di un’opera minore del Verga, ma che aveva in sé tutte le tematiche verghiane, e perché Marcello era innamorato delle opere dello scrittore catanese».

Federica Bisegna ha invece evidenziato le problematiche che si hanno quando si porta in scena l’opera di un autore vivente. «Con lei invece non abbiamo avuto nessuna difficoltà. Antonella è una persona sensibile, generosa, che non si è mai posta in posizione dominante rispetto al resto della compagnia. È sempre stata collaborativa, accettando di buon grado i cambiamenti che di tanto in tanto le proponevamo. Lavorare con lei è stato un arricchimento per tutti noi».

Durante la serata, sia la Bisegna che Bonaccorso, affiancati da due dei giovani attori che vi hanno lavorato, Giuseppe Arezzi e Gaia Guglielmino, hanno anche condiviso con il pubblico presente alcuni aneddoti legati alla lavorazione della pièce e ne hanno recitato alcuni estratti. Agata Raineri ha anche cantato tre dei brani scritti dal maestro Cavalieri appositamente per la pièce.

“Si può fare!”, domenica 1 luglio, alle ore 10:30, sarà presentato al Palazzo Platamone di Catania.

Il volume si può acquistare sul sito di Operaincerta Editore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*