“Vestire l’Icona”, la mostra di abiti e costumi dedicata a Papa Francesco in visita in Sicilia

Print Friendly, PDF & Email

Arte, moda, cultura e fede si uniscono per dare il benvenuto a Papa Francesco in visita in Sicilia il 15 settembre a Palermo e Piazza Armerina. Tante le iniziative per omaggiare il Santo Padre come l’imponente mostra di abiti e costumi dedicata a Papa Bergoglio dal titolo “Vestire l’Icona” organizzata e diretta dalla professoressa Liliana Nigro, docente di Storia del Costume presso l’Accademia di Belle Arti di Catania, su richiesta del sindaco di Piazza Armerina Nino Cammarata e dell’assessore al Turismo e allo Spettacolo del Comune di Piazza Armerina Ettore Messina, con il sostegno della Maison Du Cochon e l’assistenza tecnica di Veronica Maugeri, Giulia Riga, Iolanda Manara, Stefania Giuffrida, Lidia Di Mauro, Roberto Vinciguerra, Piero Giuffrida e Roberto Di Mauro.

Dal 7 al 17 settembre nelle eleganti sale di Palazzo Trigona, nel pieno centro storico della città dei mosaici e del palio dei Normanni, saranno esposte le esclusive creazioni realizzate appositamente per l’occasione dai talentuosi allievi dell’Ente etneo e dagli stilisti emergenti della Maison Du Cochon per unire arte e religione e avvicinare, proprio come vuole Papa Francesco, la Chiesa a tutti anche con un linguaggio innovativo e finora diverso come quello del fashion designer.

“I numeri di questo straordinario evento non sono casuali- spiega emozionata la professoressa Liliana Nigro, nome noto nel campo della cultura- il 17 è il giorno di nascita di Papa Francesco, ma anche il mio e diciassette saranno gli stilisti che vestiranno l’icona ovvero la storia e l’iconografia sacra lasciando immutate le tradizioni ed esaltandone la fede e la sacralità. I colori oro, bianco, giallo e rosso che si impongono tra le stoffe degli abiti in mostra, rappresentano non solo la purezza, la fede e la santità, ma anche un metalinguaggio artistico attraverso cui comunicare, proprio come fa Papa Francesco, con semplicità e forza, colpendo dritto al cuore”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*