Allarme meteo gialla e arancio

Print Friendly, PDF & Email

Cosa sta succedendo alla nostra bella Sicilia? Terra del sole, del mare, dei profumi di arance e limoni.

Solo pioggia e vento, disastri su disastri, madre natura si sta scagliando da qualche giorno sull’isola sicula, non sembra neanche più essere in Sicilia ma al Nord, dove il cielo è sempre grigio e il sole viene quasi sempre nascosto dai nuvoli.

Dov’è il sole? Dove sono le belle giornate? I siciliani hanno bisogno sia del bel tempo e sia di quella pioggerellina lieve e cauta che aiuta i campi a produrre sostentamento alla popolazione.

A Palermo alcuni pali della luce non hanno retto e son caduti accompagnati da alberi. Alcune vetture sono state danneggiate dalle fronde di un grosso albero precipitato sul marciapiede. Tombini scoperchiati. Nel catanese oltre al temporale anche la grandine ma fortunatamente nessun danno a cose o persone. In provincia di Enna e in particolar modo a Piazza Armerina dopo il violento nubifragio di ieri sera che ha trasformato le varie strade in fiumi in piena sono stati soccorsi delle persone che erano rimaste bloccate nei sottopassaggi e sono state tratte in salvo 3 persone il cui muro di casa è crollato, intrappolandole.

La Protezione Civile Regionale nelle ultime ore ha emanato lo stato di allerta meteo gialla e arancione per rischio sia idrico che idro-geologico. Domani sono previsti forti venti provenienti da Nord, mareggiate lungo le coste esposte e rischio esondazione fiumi. Le parti della Sicilia a temere tali condizioni saranno i versanti tirrenici delle provincie centro orientali.

La protezione civile e vigili del fuoco, come sempre saranno in primi linea, pronti ad accorrere qualora ci fosse bisogno.

Per ora non è quantificabile la stima dei danni, ma si sa con certezza che la Sicilia non è mai stata messa peggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*