La cultura a Lib(e)ri a Ragusa

Print Friendly, PDF & Email

Si è conclusa stasera la quinta edizione di Lib(e)ri a Ragusa. L’evento, che ha smosso un po’ il centro storico ragusano nonostante il tempo avverso, ha aperto le porte alla cultura, alla lettura e all’editoria locale mostrando al pubblico locale e turistico una faccia del tutto nuova.

Il 4 Aprile alle 18.00 all’interno dell’Auditorium CCIAA “G.B. Cartia” di Piazza Libertà si sono aperte le danze con la presentazione del fittissimo programma di questa V edizione e la premiazione del concorso di fotografia “Liberi Umani”, invece alle 20 si è inaugurata la Mostra Mercato del Libro Ibleo presso i locali del magnifico Palazzo Garofalo in Corso Italia 87.

Durante le giornate di venerdì, ieri e oggi si sono alternate le presentazioni di ben 26 nuove uscite, tutte molto partecipate e coinvolgenti che si sono tenute non solo nei centri culturali di punta cioè l’auditorium CCIAA e Palazzo Garofalo ma anche presso la Libreria Paolino e Flaccavento, quest’ultima da poco rinnovata, Hotel Montreal e Biblioteca “Mons. Pennisi”.

Dodici case editrici hanno esposto i propri lavori mostrando al pubblico vari generi letterari: Baglieri Editore, C.I.R.S. Ragusa, Kreativamente Editrice, La Fiaccola, Le Fate, Operaincerta Editore, Periferie Edizioni, Centro Studi Feliciano Rossitto Ragusa, Società Santacrocese di Storia Patria, Editrice Sion, Edizioni Sicilia Punto L. e Associazione culturale Edizioni Utopia.

Per chiudere in bellezza l’evento, alle ore 19 presso l’Auditorium CCIAA, è stato chiamato Pietrangelo Buttafuoco e il suo “Buttanissima editoria siciliana”, un incontro partecipato che ha avuto come punto focale, ovviamente, l’editoria e le sue mille sfumature. A seguire c’è stata una performance di cabaret con Giosè e Nando Chessari. 

Quest’anno, più dell’anno passato, tutta l’equipe di Lib(e)ri è riuscita nell’intento che si erano prefissi cioè trasmettere la cultura e la bellezza attraverso le forme d’arte quali libri e fotografia. Lib(e)ri a Ragusa si chiude qui ma vi attende il prossimo anno ancor più numerosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*