Salone del Libro 2019: i numeri della kermesse

Print Friendly, PDF & Email

Tempo di bilanci per la 32esima edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino, terminato qualche giorno fa.
 
Partiamo innanzitutto dai numeri: il Salone chiude con ben 148.000 visitatori, il 3% in più rispetto al 2018 (anno in cui le presenze erano state 144.000).
E’ direttamente Silvio Viale, Presidente dell’associazione “Torino, La città del libro” a comunicare i numeri stratosferici del pubblico, annunciando anche le date del 2020 (dal 14 al 18 maggio) e del 2021 (dal 13 al 17 maggio).

Ai numeri riportati sopra vanno aggiunti i 27.000 che hanno preso parte al Salone Off, la festa dei libri nei quartieri e nel territorio che quest’anno ha offerto più di 530 appuntamenti in 270 luoghi diversi e di cui via abbiamo parlato nel nostro precedente articolo. 

Ma non è tutto : agli eventi in programma, durante la kermesse Torinese, hanno assistito in oltre 116.300, a cui vanno aggiunti i 21.733 tra bambini e giovani delle scuole che hanno partecipato a laboratori e incontri del Bookstock Village, cuore del Salone dedicato alle nuove generazioni
Nonostante questi numeri, la logistica e l’organizzazione dei nuovi spazi espositivi presso il padiglione Oval e i tre ingressi (anziché uno solo) hanno permesso di gestire meglio i flussi del pubblico. 

Non sono mancate le polemiche: sicuramente questa edizione sarà ricordata per l’esclusione, alla vigilia dell’inaugurazione, della casa editrice Altaforte. Esclusione giunta solo dopo molte polemiche, rinunce da parte di stand e case editrici e trattative. 

Ma il 32esimo Salone del Libro sarà ricordato anche per il tutto esaurito agli incontri con Halina Birenbaum (scrittrice polacca sopravvissuta ad Auschwitz) Fernando Savater, Luis Sepúlveda, Jovanotti, Roberto Saviano, Enrique Vila-Matas, Matt Salinger, Gene Gnocchi e Neri Marcorè. 
E ancora per l’incontro con Paola e Claudio Regeni, l’omaggio a Tina Anselmi con Bruno Gambarotta e Carla Nespolo e la conversazione con Tatiana Bucci, superstite dell’Olocausto.

Uno dei focus è stato relativo agli audiolibri ed ebook: nonostante il mercato del libro in Italia sia cresciuto nel 2018 e nel 2019 (il fatturato dei primi 4 mesi del 2019, infatti, è stato caratterizzato da un incremento dello 0,6%), gli e-book continuano a conquistare nuovi spazi e le vendite di libri digitali e audiolibri sono passati dal 60 al 64% . 

Tutto questo è sicuramente di buon auspicio per la crescita del settore e noi di ItaliaNotizie non possiamo che darci appuntamento con il Salone del Libro al prossimo anno dunque, per capire quanto e come si possa migliorare. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*