Sono come voi, amo le mele, alla Piccola Corte di Genova

Print Friendly, PDF & Email

Nell’ambito della 24esima edizione della rassegna di drammaturgia contemporanea ieri sera c’è stata la prima di “Sono come voi, amo le mele” dell’autrice tedesca Theresia Walser nella traduzione di Clelia Notarbartolo, per la regia di Barbara Alesse: tre donne per raccontarne altre tre che hanno segnato, da first ladies, la storia dei rispettivi paesi. Uno spettacolo splendido, emozionante, commovente e, allo stesso tempo, divertente che è stato portato sul palcoscenico della Piccola Corte da un cast di assoluta bravura, tre attrici e un attore che ci hanno regalato emozioni intrise di sorrisi grazie alla loro formidabile interpretazione. Applausi calorosi e prolungati, meritatissimi, per Cristiano Dessì nel ruolo di un improbabile interprete con un passato che lentamente verrà alla luce, a Lisa Galantini che è Margot Honecker, la signora Margot, “la strega viola”, moglie del presidente del consiglio di stato della Germania Est fino alla caduta del muro di Berlino, a Irene Villa che dà vita a Imelda Marcos, “la farfalla di ferro”, vedova dell’ex presidente delle Filippine, e a Ernesta Agira nel ruolo di Leila Ben Alì, “la regina di Cartagine”, moglie dell’ex presidente tunisino. Lo spettacolo è in replica fino al 22, ve ne innamorerete come la sottoscritta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*