Un nuovo appuntamento rock con la musica dei The Bluff

Print Friendly, PDF & Email

CATANIA- A grande richiesta iThe Bluff” il dream team del rock’nroll catanese composto da Francois Francesco Turrisi, (voce e chitarra) Renny Renato Zapato, (voce), Carmelo Mel Quartarone, (batteria), Luke Luca Nicotra, (voce e chitarra solista), Carmelo “the Big Bamboo” Sfogliano, (voce e piano), Silvio “the Lord” Chiodo, (basso), Giuseppe “Peeppo” Aiello, (sax),il meglio del rock degli anni ottanta con l’irresistibile simpatia e l’innegabile bravura con la nuova hit dell’estate 2019 “Avevo un beat”,saranno di nuovo in concerto domenica 21 luglio, ore 21.00, alla “Fornace The social bar” di Acicastello, zona muretti.

“La musica è una ricarica mentale che ti permette di rimanere sempre giovane e un po’ folle ed è quello che accade a tutti i componenti dei The Bluff-  raccontano divertiti RennyZapato e  Francois Turrisifrontman del gruppo-. La forza di “Avevo un beat” non è solo il ritmo contagioso ma la freschezza del brano che conquista un po’ tutte le generazioni che ballano e cantano con noi sotto il palco”.

Un sound contagioso che mescola sapientemente il beat degli anni sessanta insieme al grande rock degli anni cinquanta con delle sfumature che ricordano lo stile internazionale e sofisticato di Ray Charles e il primo Peppino Di Capri creando un mix unico e coinvolgente che i sette cavalieri del rock made in Catania  amalgamano perfettamente creando qualcosa di unico, che  con il suo ritmo trascinante fa ballare uomini e donne di tutte le età.

Il progetto discografico “Avevo un beat”, prodotto dalla Rockers Island records e mixato da Tony Carbone ex Denovo che oggi ritorna sul palco nuovamente ad abbracciare il basso con Francois e Le coccinelle,  ha riunito tutti i front man dei gruppi storici dei Rockfellas, Melotones, RhinoRockers e Le coccinelle, contagiando tutta Italia che presto vedrà i “The bluff” in concerto in giro per la penisola con la loro sana voglia di divertirsi e divertire in nome del rock.

Ufficio Stampa

Elisa Guccione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*