Con “Neapopuli. Errando nell’Invisibile” di Basile e Calvino, prosegue il XIII Premio Teatrale “Musco”diretto dalla Scalia

Print Friendly, PDF & Email

Milo – Domani, alle ore 21,nello splendido “Anfiteatro Comunale Lucio Dalla” di Milo, nuovo appuntamento con il XIII Premio Nazionale Teatrale “Angelo Musco” diretto artisticamente da Mimì Scalia, organizzato dal Comune di Milo (Ct), dalla Regione Sicilia, dalla FITA Sicilia e dall’Associazione Culturale Filocomica Sant’Andrea di Milo.

Sotto i riflettori la compagnia “Imprevisti e Probabilità” di Formia (Lt) in scena con “Neapopuli. Errando nell’Invisibile” di Giovanbattista Basile e Italo Calvino, adattamento di Raffaele Furno, per la regia di Raffaele Furno – 02/08/2019 ore 21, Teatro Comunale Lucio Dalla di Milo.

Sinossi e Note di regia

Lo spettacolo intreccia tre linee guida, sorrette da un ritmo verbale incalzante che mescola italiano e dialetto. Figure fiabesche e oniriche si muovono sul filo del paradosso per raccontare di luoghi fantastici e lontani che riconducono sempre alla bellezza decadente e un po’ puttana di Napoli. Un narratore colorato come un giocoliere apre davanti ai nostri occhi mondi esotici, metafore di mistero e fascino che solo il teatro nella sua essenza di affabulazione sa creare. Ma questa magia, questa sospensione del reale, sono travolte dall’osceno, dall’urlo di donne in nero o in rosso che sbeffeggiano, cantano, pregano, spettegolano, sospese tra evocazioni di icone religiose e meretrici assatanate. Ancora una volta Napoli, città-femmina madre e amante, ritorna nei corpi di queste donne irrispettose di tutto e di tutti, eppur timide e sognatrici.

Storicamente i napoletani hanno usato la performance – il canto, il ballo, la devozione religiosa, il dialetto, la tombola – per trovare spazi di libertà laddove per secoli sono stati dominati da re stranieri. E quando finalmente la dominazione esterna è terminata, si sono ritrovati con un bagaglio enorme di tradizioni ibride e bastarde. “Neapopuli” mette in scena tale ricca ibridità, scatenando istinti viscerali che provocano una grassa risata e lievi soffi di vento che portano con sé memorie ancestrali. Lo spettacolo non segue la divisione, decisa chissà da chi, tra cultura alta e bassa; alla voce poetica affianca il greve bofonchiare, alla visione di palazzi splendenti e balli di corte fa seguire latrine incrostate e maleodoranti. Mai volgari, ma sempre ironici i personaggi di “Neapopuli” sanno che affannarsi è poi inutile e che la vita va presa con leggerezza. Lasciano agli altri i giudizi; loro continuano a sbeffeggiare, cantare, pregare, spettegolare, narrare.                            

Cast e regia

Regia di Raffaele Furno

Con:

Isabella Sandrini – Cenerentola

Janos Agresti – Narratore

Raffaele Furno – Matrigna

Giuseppe Pensiero – Patrizia

Ed il coro delle donne composta da:

Soledad Agresti – La tammurriata

Valentina Fantasia –  La tombola

Eva Albini – Il rosario

Anna Andreozzi – La capera

Maria Teresa Crisci – La voce sfacciata

Annamaria Aceto – La voce ingenua

Costumi di Anna Andreozzi e Soledad Agresti
Oggetti di scena di Janos Agresti e Alberto Moscarello

Consulenza musicale a cura di Isabella Sandrini

Foto di scena di Riccardo Crimi e Matteo Vocino

*

La Compagnia Imprevisti e Probabilità si è costituita nel 2005, e dal 2016 è entrata a far parte del circuito nazionale FITA. Da allora ha vinto oltre 50 premi in Concorsi e Festival italiani, arrivando ad ottenere il “Gran Premio del Teatro” come migliore compagnia italiana nel 2017 per “Filumena Marturano”. Da oltre dieci anni organizza laboratori teatrali per adulti nonché il Festival Deviazioni Recitative.

Gli spettacoli della Compagnia, oltre che in Italia, hanno calcato le scene a Cuba, negli Stati Uniti, a Taiwan, in Francia, Germania, Marocco, Senegal, Repubblica di Macedonia. Lo stile che li contraddistingue è basato su una rilettura dei classici in chiave contemporanea, con messe in scena snelle dal punto di vista scenografico e fortemente improntate all’uso dei corpi degli attori come elementi narrativi che fanno da contrappunto al testo recitato. Il teatro della Compagnia Imprevisti e Probabilità professa una poetica di scena come atto totale, in cui nessuno degli elementi è semplice ornamento: voci, colori, corpi, oggetti e suoni si ispirano a una coerenza creatrice che fa uso del paradosso, dell’incontro tra il sacro e il profano, tra l’aulico e il grottesco per rappresentare la varietà del mondo. Tratto distintivo degli spettacoli è l’ironia, lo strumento migliore per divertire il pubblico e, contemporaneamente, per invitarlo a riflettere. Commedia e tragedia non sono vissute come categorie che si escludono a vicenda, ma piuttosto come elementi sempre coesistenti della loro visione del mondo. Il regista Raffaele Furno ha ottenuto un dottorato di ricerca in Performance Studies presso la Northwestern University di Chicago, ed è docente di Teorie della Performance e Storia del Teatro Italiano presso l’Arcadia University, Campus di Roma. Sono suoi gli adattamenti e le regie dei vari spettacoli portati in scena dalla Compagnia. Ha pubblicato inoltre vari articoli sulla storia del teatro contemporaneo in riviste internazionali del settore.

Soledad Agresti è autrice e attrice pluri-premiata. Il suo primo testo originale “La Gamba di Sarah Bernhardt” è stato tradotto in spagnolo ed in inglese e ha vinto nel 2010 il premio come miglior drammaturgia al femminile. La Agresti è diplomata all’Accademia di Belle Arti di Napoli e affianca all’attività di scrittura quella di attrice, scenografa, costumista, scultrice e pittrice, curando gli aspetti visivi delle produzioni.

Janos Agresti e Valentina Fantasia si sono formati teatralmente nella Scuola dei Mestieri diretta da Ferruccio Padula e poi nel Laboratorio Teatrale La Compagnia di Passaggio, e curano gli aspetti tecnici (disegno luci, disegno audio) delle produzioni. Isabella Sandrini è attrice nonché maestro di pianoforte e mette a frutto la sua rigorosa educazione musicale creando le colonne sonore degli spettacoli della compagnia.   

*

La serata “Milo Premia il Teatro” che si terrà – ingresso libero – al Teatro Comunale Lucio Dalla di Milo, alle ore 21, domani sabato 3 agosto 2019, con ingresso libero, che sarà condotta dal giornalista Salvo La Rosa e vedrà, tra gli altri, la presenza, in qualità di ospite d’onore, special guest, dell’acclamato artista Mario Incudine (Premio alla carriera), che sarà premiato in quantopersonaggio tra i più rappresentativi della nuova world music italiana,e che, per l’occasione, regalerà, come nel suo stile, indimenticabili momenti di spettacolo.

Nel corso della serata sarà assegnata una Targa alla Memoria all’attore Gilberto Idonea, scomparso lo scorso Ottobre, per l’occasione interverranno il figlio Alessandro Idonea e la moglie prof.ssa Raffaella Oliveri.

UFFICIO STAMPA 4PRESS

Addetta Stampa Grazia Calanna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*