“Dora in avanti”: l’altalena come metafora della vita

Print Friendly, PDF & Email

Grandi e meritati applausi per “Dora in avanti” di Domenico Loddo, sabato 31 agosto c.a. e domenica 1 settembre c.a. alle ore 21,00 nello splendido scenario del “Giardino Pippo Fava” di Via Caronda, 82 a Catania.

L’altalena, metafora della vita che va avanti nel futuro ed indietro nel passato in un tuffo introspettivo ed emotivo molto profondo; l’ironia amara dell’esistenza che gioca a saper vivere ma che si perde nei meandri di una personalità complessa ed a volte contraddittoria.

Dora in avanti” è un monologo di teatro contemporaneo originale, patafisico (ciò che è vicino a ciò che è dopo la fisica) ed interattivo, dai toni ironici ma dai risvolti seri e mai  scontati. Nulla è banalizzato, nulla è lasciato al caso ma tutto è ragionato in una gara di suggestioni e scorci di vita intensamente vissuta.  Grande ed intelligente padronanza nell’uso delle parole caratterizza lo stile dell’autore, scrittore e fumettista Domenico Loddo.

La diligente ed efficiente regia di “Dora in avanti” è di Christian Maria Parisi, le essenziali ma efficaci scene sono di Valentina Sofi, disegno luci di Guillermo Laurin, produzione “Teatro Primo” di Villa San Giovanni (Reggio Calabria).

La protagonista è Dora Kieslowsky interpretata in scena dall’eccellente attrice Silvana Luppino (fondatrice, insieme a Christian Maria Parisi del “Teatro Primo”).

Silvana Luppino è assolutamente padrona della scena e si offre al suo pubblico con  naturalezza e disinvoltura, cuore ed anima in mano. La sua è un’interpretazione impegnativa, dai ritmi incalzanti e da svariati toni: dalla veemenza della rabbia alla commozione dei ricordi più dolci, dalla disperazione al pianto, alla delusione.

Dora si confessa spontaneamente mostrando il trauma dell’abbandono del padre (Dora in avanti…sarai sola); in quella sua solitaria spinta in avanti sull’altalena, ella trae la forza di accettare tutti i suoi molteplici difetti e qualche piccolo pregio (come per esempio il suo bel culetto polacco).

Istrionica, pienamente immersa nel personaggio, Silvana Luppino emoziona e diverte, due facce della stessa personalità di Dora, un po’ folle e un po’ disperata, spesso contraddittoria ma affascinante, nata da padre che era (è) polacco e da madre che è (era) siciliana.

Natura fragile quella di Dora, tanto insicura che dovrà ricorrere ad uno “Spiritual trainer” con le sue tante sferzanti sentenze d’estrazione “yoga”: “l’unica via d’uscita è dentro” (dentro di noi), “l’unica via d’entrata è fuori”.

Una donna “complicata”, sposata con un uomo mite e comprensivo (alla fine costretto a liberare le proprie frustrazioni per punire la moglie compiendo un atto criminale di una gravità devastante),  un uomo che sopporta pure la sua poca propensione al rapporto fisico, una castità voluta che si rivelerà essere un altro dei suoi muri emotivi per difendersi da un’esistenza parecchio tormentata.

Un testo nuovo, godibile pur nelle sue molteplici sfumature emotive; un monologo impegnativo dalle tematiche impegnate che convince il pubblico. Il paradosso dell’esistenza auto analizzando il proprio essere; l’inconscio condanna e la mente assolve in una continua lotta su un ipotetico ring dove ricordi, realtà, illusioni si mescolano diventando “mal de vivre”, ciò che ci condanna alla continua insoddisfazione di noi, alla continua ricerca di una serenità che non è possibile trovare al di fuori di noi.

Perché in fondo la vita è un’altalena che va in avanti in progressione ed indietro in regressione: alti e bassi che la rendono affascinante ed imprevedibile. La vita è uno “spiritual trainer” universale.

“La vita è una penetrazione”.

Prossimi appuntamenti della rassegna con le repliche de “Il segreto di Audrey Hepburn” di Sal Costa (4, 5, 14 e 15 Settembre) e di “Cara compagna. Ricordi di un amore vero” di Gianni Scuto (6, 7, 8, 11 e 12 Settembre).

Organizzazione Centro Teatrale Fabbricateatro, scene di Bernardo Perrone, luci di Simone Raimondo, supporti tecnico – informatici di Gianni Nicotra, ingresso euro 10,00 (ridotto euro 8,00), info: 3473637379.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*