A passeggio tra le vie dei tesori di Ragusa

Print Friendly, PDF & Email

Ragusa con il suo fascino barocco ha sempre incantato sia gli abitanti che i turisti, soprattutto Ragusa Ibla, detta in siciliano “Iusu” (ciò che sta sotto), il borgo che sorprende tutti con le sue minuscole e suggestive viuzze. Per il secondo anno di fila la città e il borgo barocco saranno i protagonisti del Festival “Le Vie dei Tesori”.

In tre weekend, dal 4 al 20 ottobre, si potranno visitare chiese, conventi e palazzi come la Chiesa dell’Annunziata e il museo delle Confraternite, la Chiesa di Sant’Agata ai Cappuccini, il Circolo della Conversazione, Cona di San Giorgio, Palazzo Arezzo di Trifiletti, Palazzo Zacco, Palazzo la Rocca, il Teatro Donnafugata, il campanile della Cattedrale di S. Giovanni e tantissimo altro.

Si potranno fare anche due passeggiate guidate. La prima, “Le Vie dei Santi: processi e processioni”, si svolgerà domenica 6 ottobre. Si partirà da Piazza Carmine e si andrà a scoprire quel parallelismo che sorge tra il sacro e il profano, con leggende e storie e non può non mancare il culto di Santa Lucia e Santo Spiridione e la storia dell’impiccagione di Giorgio La Terra Arizzi. La seconda invece vedrà come protagonista di domenica 13 ottobre la Cava di Santa Domenica, si andrà camminando sotto i ponti di Ragusa godendo della flora che si distende per svariati kilometri e che nasconde latomie, tombe protostoriche, mulini e tanto altro.

Ma non è finita qui. In collaborazione con le Scale del Gusto si potranno fare delle visite in notturna e vedere il Campanile della Chiesa dell’Itria, quello del Purgatorio e di Santa Maria delle Scale.

Un’esperienza nuova, un’opportunità irripetibile per poter conoscere affondo la propria città e ripercorrere i passi della storia attraverso le parole delle guide che vi accompagneranno in questo viaggio unico.

Per poter partecipare consultate il sito www.leviedeitesori.it e acquistate i coupon per l’ingresso. Per altre info potrete rivolgervi al Museo di San Giovanni o al Palazzo la Rocca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*