“Extra/ordinaria” i nuovi corsi in inglese e italiano dell’Associazione La Casa di Creta Argentum Potabile in uno “Spazio Fluido” la nuova sede teatrale

Print Friendly, PDF & Email

CATANIA- L’Associazione “La Casa di Creta- Teatro Argentum Potabile”, diretta in tandem da Antonella Caldarella e Steve Cable, giovedì 26 settembre, alle ore 19.00, inaugurerà la nuova sede della scuola di formazione teatrale “Extra/Ordinaria” in via Francesco Laurana 16 a Catania.

Uno “Spazio Fluido” per i nuovi corsi di teatro in inglese e in italiano che si aggiungono alle attività didattiche della Sala Roots, punto di riferimento nella realtà teatrale catanese da cinque anni.

“Il richiamo del Teatro- dichiarano all’unisono Caldarella e Cable- si è trasformato in un cammino, una vocazione, un percorso di vita non semplicemente un mestiere, non un lavoro a tempo perso ma un lavoro a tempo pieno”.

Dopo vent’anni di attività teatrale all’interno del progetto ‘La Casa di Creta Teatro Argentum Potabile’ nasce in maniera organica un ‘Teatro-Scuola’ basato sull’apprendimento attivo e non un’ istituzione didattica ma una situazione pedagogica dinamica all’interno di una compagnia professionista.

“La scuola di formazione teatrale- continuano i fondatori- si ispira all’intelligenza e al coraggio, all’inventiva e all’ingegno di quei riformatori di Teatro che davanti ad ogni momento di crisi hanno saputo mantenere viva la tradizione teatrale”.

I laboratori sono suddivisi per età e scelte tematiche. Tregli indirizzi: “Extra/Ordinaria”, scuola di formazione teatrale dai 16 ai 25 anni; “ActNowteatro e laboratori in inglese” condotto da Steve Cable dai 13 ai 60 anni; “Viaggi e laboratori teatraliin italiano” condotti da Antonella Caldarella dagli 8 anni in poi.

“I nostri corsi- aggiunge Antonella Caldarella- sono un percorso di crescita dove ognuno potrà tirare fuori le proprie abilità creative, espressive, senza paura di essere giudicato, perché il gruppo è il centro e la nostra diversità è una ricchezza”. Ed ancora: “Il teatro ci dà la possibilità, attraverso il gioco di “essere altro”, di imparare ad interpretare nuovi ruoli e comprendere quantemaschere interpretiamo nella vita”

Ufficio Stampa

Elisa Guccione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*