Sconfitta con rimpianti per il Benetton

Print Friendly, PDF & Email

Debuttare con i campioni in carica non è mai la cosa più semplice. Può però diventare la più stimolante. È ciò che accaduto stasera al Benetton che ha perso, sì, con i dublinesi del Leinster, 27-32 il finale, ma ha giocato una grande partita, condizionata al 49° dal cartellino rosso per Ratuva Tavuyara. Chissà come sarebbe andate senza quel cartellino.

Eppure i primi 20 minuti sono tutti di marca Leinster, con gli irlandesi a tenere in mano il pallino del gioco e i padroni di casa a difendersi, con ordine ma senza riuscire ad impostare azioni degne di questo nome.

A andare subito in vantaggio sono così gli ospiti, al 4°, grazie ad una punizione calciata da Ross Byrne e concessa dal signor Whitehouse per una fallo della mischia biancoverde.

La mischia ordinata è in questo momento il punto debole, la difesa quello forte, che però nulla può, al 15°, quando, dopo un batti e ribatti sui propri cinque metri, Adam Byrne finalizza in meta. Con i due punti dell’altro Byrne fa 0-10.

Poi, all’improvviso, a metà tempo, tutto cambia. La difesa trevigiana fa suo un pallone di recupero, i trequarti lo portano avanti e Derrick Appiah lo schiaccia in meta. Due punti li aggiunge il debuttante in maglia biancoverde Ian Keatley e il tabellone del Monigo segna il 7-10. Siamo appena al 19°.

La meta accende il Benetton che appare trasformato. Passano pochi minuti e Monty Ioane ne fa una delle sue: batte veloce per se stesso una touche e semina il panico nella difesa avversaria che commette fallo. Punizione, altra touche sui 5 irlandesi, carrettino e Tomas Baravalle, con il contributo del piede di Keatley, porta avanti la propria squadra. 14-10.

Al 30° l’apertura biancoverde prova ad aggiungere altri 3 punti al suo score personale e a quello della sua squadra ma il pallone si spegne poco prima di raggiungere i pali.

In questa fase si vede un Benetton dal gioco spumeggiante nonostante la propria mischia ordinata soffra quella avversaria.

Allo scadere, però, un’azione veloce e fortunata, viziata forse da un passaggio avanti, permette al Leinster di andare al riposo in vantaggio.

Il Benetton al rientro dagli spogliatoi impatta subito grazie ancora una volta al piede di Keatley.

Al 49° il rosso che cambia l’andamento alla partita. L’ala trevigiana prova a contendere un pallone ma colpisce involontariamente un avversario ancora in aria. Per l’arbitro è un fallo da rosso.

Un minuto dopo il Leinster sfrutta la superiorità numerica marcando la meta. 17-22

Nonostante però l’inferiorità, i trevigiani prima in un paio di occasioni mettono paura agli irlandesi. Poi, con un micidiale uno-due si portano in vantaggio.

Al 58° Keatley accorcia, al 60° Luca Sperandio conclude in meta un contropiede trevigiano. Con i due facili punti dell’apertura biancoverde fa 27-22.

Nel rugby però, quando hai l’uomo in più e giochi al largo è molto più facile segnare una meta. Il Leinster ci riesce al 66°: dopo una serie di pick and go sui 5 metri trevigiani, i dubliners allargano il gioco e Dave Kearney segna la terza meta della sua partita.

Al 70° un fallo irlandese offre a Keatley la possibilità di riportare nuovamente avanti la propria squadra. La distanza è notevole, l’angolazione idem, e il numero 10 trevigiano sbaglia.

A centrare i pali è invece, al 75°, Henry Byrne, portando così il punteggio sul 27-32.

Treviso ci prova ancora a ribaltare il risultato ma il Leinster serra i ranghi e porta a casa la vittoria.

Per i trevigiani restano i rimpianti ma se quello visto all’opera stasera è il vero Benetton, le soddisfazioni arriveranno.

Marcatori: 4’ p. R.Byrne, 15’ meta A.Byrne tr. R.Byrne, 19’ meta Appiah tr. Keatley, 24’ meta Baravalle tr. Keatley, 39’ meta Kearney tr. R.Byrne, 43’ p. Keatley, 50’ meta Kearney, 58’ p. Keatley, 59’ meta Sperandio tr. Keatley, 66’ Kearney tr. R.Byrne, 75’ p. H.Byrne

Note: 49’ rosso a Tavuyara

Benetton Rugby:
15 Angelo Esposito, 14 Ratuva Tavuyara, 13 Joaquin Riera, 12 Alberto Sgarbi (C), 11 Monty Ioane, 10 Ian Keatley (75’ Ian McKinley), 9 Luca Petrozzi (75’ Charly Trussardi), 8 Toa Halafihi (64’ Giovanni Pettinelli), 7 Marco Barbini (49’ Luca Sperandio), 6 Marco Lazzaroni, 5 Irné Herbst (68’ Niccolò Cannone), 4 Eli Snyman, 3 Michele Mancini Parri (68’ Filippo Alongi), 2 Tomas Baravalle (68′ Engjel Makelara), 1 Derrick Appiah (58’ Cherif Traore)

Head Coach: Kieran Crowley

Leinster: 15 Jimmy O’Brien, 14 Adam Byrne (64’ Hugo Keenan), 13 Rory O’Loughlin, 12 Joe Tomane, 11 Dave Kearney, 10 Ross Byrne (67’ Harry Byrne), 9 Jamison Gibson-Park, 8 Caelan Doris, 7 Will Connors, 6 Max Deegan, 5 Devin Toner, 4 Ross Molony (C), 3 Michael Bent (50’ Vakh Abdaladze), 2 Rónan Kelleher (53’ James Tracy), 1 Peter Dooley

Head Coach: Leo Cullen

foto Benetton Rugby

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*