Offensiva turca in Siria

Print Friendly, PDF & Email

Il quadro degli  avvenimenti  nella parte di Siria controllata dai curdi non è ancora chiaro. C’è un’offensiva turca ma non si sa ancora qual è la sua effettiva portata  e finalità. Tutto è precipitato quando Trump ha annunciato  il ritiro delle  forze Usa  dalla  Siria perché non vuole che gli americani  siano coinvolti nelle “ridicole” lotte tribali del M. O. 

La decisione ha fini elettorali in quanto aveva  promesso nella campagna elettorale di tirar fuori gli americani da quel lontano  e inestinguibile  teatro di guerra del M.O nel quale sono invischiati da quasi un ventennio. L’annuncio è stato preso dai Turchi come un luce verde per il loro intervento da lungo tempo e fortemente voluto per controllare i curdi di Siria nel timore che essi possano mettere in agitazione i Curdi di Turchia già da quasi quaranta anni  in agitazione. Tuttavia Trump, subito dopo, pressato dalla opinione pubblica che ravvisa giustamente in tale ritiro un tradimento insopportabile verso i fedeli alleati  Curdi ha poi smentito  il ritiro parlando solo  di un semplice spostamento   di una cinquantina  di militari e soprattutto minacciando gravemente la Turchia di “distruggere la sua economia”, addirittura. Sembrava  quindi uno stop  a ogni iniziativa turca ma Erdogan ha dichiarato che la Turchia non sopporta minacce quando si tratta della sua sicurezza e sono iniziati attacchi aerei poi seguiti dall’avanzare di truppe scelte.

Non si riesce a capire se effettivamente gli USA intendono fermare i Turchi con gravi rappresaglie  economiche e comunque mantenendo le posizioni militari nella regione che i Turchi certo non potrebbe attaccare direttamente, se c’è un accordo fra le parti, se c’è un abbandono dei Curdi, oppure  un compromesso che permetta solo una contenuta incursione ai confini.  La politica dei twitter non facilita certo le  cose perché non si riesce a capire quando essi sono rivolti semplicemente  alla propaganda elettorale  e quando invece a decisioni politiche statali: questo purtroppo è un equivoco comune nei nostri giorni, non solo negli USA

I Curdi di Siria sono quelli che hanno fermato a Kobane l’avanzata dell’ISIS che sembrava inarrestabile  Nel loro folle fanatismo l’ISIS infatti andò a scontrarsi con i  forti e indomiti combattenti curdi. Le Unità di Protezione Popolare (YPG) strenuamente combatterono fra le rovine  di Kobane, una specie di Stalingrado mediorientale, aiutate efficacemente dalle forze aeree USA che nel deserto ebbero  facile  gioco ad impedire qualunque arrivo di rinforzi e rifornimenti dell ISIS. La battaglia  fu lunga e sanguinosa e alla fine  i combattenti curdi riuscirono a  fermare  l‘ISIS  che da allora non ebbe più capacità di espansione. In realtà l’ISIS si era sempre espansa con grande facilita perché non trovarono effettiva resistenza  sia in Siria che in Iraq per il perdurante  conflitto fra sciiti e sunniti e quindi accolti da questi ultimi in qualche modo come liberatori. I Curdi di Siria, pur essendo sunniti, comunque  erano quanto mai lontani dal fanatismo radicalista e jihadista e quindi si difesero con indomito coraggio  destando ammirazione in tutto l’Occidente. Anzi  alcuni dall’Occidente vennero anche in loro aiuto formando una brigata internazionale (sull’ esempio dei combattenti opposti dell ISIS). Si ricorda anche l’italiano Asperti caduto mentre combatteva a fianco dei Curdi. In seguito, sempre  con l’aiuto determinante  aereo USA, i Curdi hanno riconquistato l’intero territorio siriano occupato dall’ISIS fra cui anche la capitale Raqqa. Tuttora detengono la maggior parte dei jihadisti  e anche un grande campo profugo di civili più o meno sospettati di essere congiunti o sostenitori dell ISIS. Ora i Curdi  minacciano di rilasciarli riaccendendo quindi la scintilla  del califfato che benché abbia  perso il controllo del territorio  tuttavia  rimane ancora  un pericoloso  movimento terroristico. I Turchi definiscono  invece terroristi i Curdi per la lotta che essi sostengono all’interno dei confini turchi. Da segnalare che ai tempi di Kobane i turchi lasciavano passare  i volontari dell’ISIS provenienti  da tutto il mondo islamico ed europeo ma non  permettevano  ai Peshmerga (guerriglieri curdi  dell Iraq ) di aiutare  i loro connazionali di Siria.  

I Curdi quindi, in sostanza, hanno costituito una sorta di fanteria appoggiata  dalle forze aeree USA che hanno potuto così distruggere l’ISIS senza rischiare la vita dei propri soldati. Abbandonare ora i Curdi perché ormai l’ISIS  non esiste più e  lasciare che essi siano spazzati vai dai Turchi appare ed è effettivamente un tradimento: non è chiaro però se gli USA lo permetteranno effettivamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*