La Benetton conquista il suo primo successo in Europa

Print Friendly, PDF & Email

Al quarto tentativo, finalmente, la Benetton Treviso riesce a sfatare il tabù “Europa”. Di fronte c’era il Lione con il quale i trevigiani avevo perso in malo modo la settimana scorsa ma quest’oggi i presenti sulle tribune del Monigo hanno assistito a ben altro incontro.
Scesi in campo con un piglio battagliero, i biancoverdi (oggi con l’usuale tenuta biancoarlecchino di coppa) hanno fin da subito fatto capire che quanto accaduto a Gerland era stato solo un incidente di percorso. Più volitivi, più combattivi, gli uomini di coach Crowley fin dal fischio d’inizio si sono infatti installati nella metà campo avversaria e hanno dettato legge per una quindicina di minuti, durante i quali sono andati in meta per due volte, al 9° con Leonardo Sarto e al 15° con Monty Ioane, e hanno forse illuso gli spettatori che la vittoria fosse cosa facile.
Di fronte però la Benetton aveva l’attuale leader del campionato transalpino e sul 12 a 0 i francesi hanno deciso che fosse arrivato il momento di iniziare a fare sul serio. Così, tra il 18° e il 24°, i francesi ribaltano il risultato, con le mete di Liam Gill e Rudy Wulf. Con le due trasformazioni di Pato Fernandez il risultato si fissa sul 14-12.
La partita è bella e divertente, le due squadre si affrontano a viso aperto, ma nei restanti minuti accade poco o nulla. Si va così al riposo con i lupi lionesi in vantaggio.
Alla ripresa del gioco la Benetton si porta nuovamente avanti: al 43° un fuori gioco ospite offre al piede di Keatley tre punti facili. Cinque minuti dopo però un fallo trevigiano riporta il Lione avanti. Il contro sorpasso arriva al 55°, ancora una volta grazie al piede dell’apertura irlandese.
Sul 18-17 il pallino del gioco passa decisamente nelle mani del Lione, che si installa stabilmente nei 22 trevigiani. Il muro dei padroni di casa, però, si dimostra invalicabile, almeno fino al 65°, quando Pierre-Louis Barassi trova una crepa e va a segnare la terza meta per la sua squadra. Jonathan Wisniewsky non centra i pali. 18-22.
In tanti, a questo punto, hanno certamente pensato che l’incontro fosse ormai andato. Niente di più sbagliato. Perché la reazione trevigiana c’è ed è veemente. I padroni di casa chiudono gli avversari nei loro 22 e, dai e dai, alla fine, siamo al 72°, Marco Lazzaroni buca la difesa avversaria e si tuffa in modo plastico al centro dei pali. Con i 2 punti di Antonio Rizzi fa 25-22.
Il Lione ci prova a ribaltare il risultato ma la Benetton vede la vittoria a portata di mano e non molla di un millimetro. Il triplice fischio dell’arbitro viene accolto come una liberazione sia dai giocatori che dagli spettatori.
Adesso la stagione europea si ferma, si riprenderà il 18 gennaio con la Benetton impegnata sul campo dei Northampton Saints, e nell’attesa ci saranno da giocare i due derby di Pro14 con i cugini delle Zebre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*