Monnalisa l’omaggio di Buio in Sala al genio italiano Leonardo Da Vinci

Print Friendly, PDF & Email

CATANIA- In occasione dei 500 anni dalla scomparsa di Leonardo Da Vinci la “Compagnia Buio in Sala” diretta da Giuseppe Bisicchia e Massimo Giustolisi lunedì 20 e martedì 21 gennaio, alle ore 9.15 e alle 11.15, sul palco del Teatro Ambasciatori omaggeranno il genio italiano con lo spettacolo inedito #Monnalisa, testo scritto da Simone Santagati allievo attore di Buio in Sala Acting School e giovane promettente drammaturgo.

“La pièce- dichiarano i due registi Bisicchia e Giustolisi dell’inedito spettacolo dedicato non solo alle scuole ma a tutti gli appassionati del mondo dell’arte e della cultura- è un lavoro che vede luce dopo alcuni anni di studio, che racconta di una ragazza Vittoria, interpretata dalla giovane allievaDiletta Borrello, in gita con la propria scolaresca al Louvre, dove per magia incontrerà un giovane Leonardo Da Vinci, interpretato da Daniele Bruno, e con lui affronterà argomenti fondamentali per la vita di un ragazzo come il futuro, le aspirazioni e le scelte di vita”.

Filippo Aricò, attore che ha festeggiato da poco 50 anni di teatro ed apprezzato per la sua attività di giornalista e conduttore tv di trasmissioni per ragazzi e fondatore del Teatro Zig Zag insieme alla moglie Letizia Catarraso, vestirà i panni di Leonardo da adulto.

“Scopriremo l’incontro tra Leonardo Da Vinci e Lisa di AntonmariaGherardini, detta anche Lisa del Giocondo, i cui famosi panni saranno vestiti da Graziana Lo Brutto– aggiungono Massimo Giustolisi e Giuseppe Bisicchiacoadiuvati per l’aspetto tecnico dalla presidente Silvana D’Anca edalla responsabile alle pubbliche relazioniGiovanna Sesto-. Dodici allievi dei nostri corsi faranno le figurazioni e gli attori Andrea Schillirò, Adriano Fichera e Leonardo Monaco completeranno il cast”.

Grande cura per i costumi storici curati da Rosy Bellomia, supervisionati da Giovanna Sesto, mentre la scenografia digitale, su impianto scenico dello stesso Bisicchia, è realizzata da Andrea Ardizzone.

Ufficio Stampa

Elisa Guccione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*