Antigone, al Teatro della Corte di Genova

Print Friendly, PDF & Email

È giunta ieri sera al Teatro della Corte di Genova “Antigone” che aveva debuttato a Catania lo scorso ottobre, una produzione del Teatro Stabile di Catania per la splendida e perfetta regia di Laura Sicignano che ha riadattato il testo insieme ad Alessandra Vannucci in modo davvero originale; dice nelle sue note di regia “La scelta di Antigone mi appare necessaria qui e ora: affrontare il mito in una terra – la Sicilia – che si è nutrita di grecità e che si dibatte quotidianamente tra potere e strapotere, ribellione e anarchia, eroi del bene e del male, fiera di un’identità, frutto di una stratificazione di popoli”, ha saputo rendere contemporaneo un testo dell’antichità mantenendone intatti i valori…ed è stato un trionfo, applausi prolungati, calorosi e anche qualche standing ovation per questo atto unico che ha dato ininterrotte emozioni al numerosissimo pubblico presente.

I miei primi complimenti vanno allo staff tecnico, alla superba scenografia di Guido Fiorato che è anche il costumista, alle luci di Gaetano La Mela e alla bravura del musicista Edmondo Romano che suona dal vivo strumenti della cultura mediorientale i quali accompagnano magicamente le parole e i gesti del cast.

Ometto la trama della celebre tragedia (tra l’altro la sottoscritta ha notato, con piacere, la presenza di numerosi/e studenti/esse, probabilmente liceali, uno spettacolo nello spettacolo) e tributo ancora applausi e complimenti al cast iniziando dalla straordinaria Barbara Moselli nel difficile ruolo di Antigone, che vuole dare degna sepoltura al fratello Polinice per onorare gli dei sfidando così le leggi create da suo zio Creonte, che è diventato il re di Tebe, un bravo Sebastiano Lo Monaco. Complimenti a Franco Mirabella che interpreta il cieco Tiresia che predice sventure al re, bravo Simone Luglio che caratterizza con ironia il ruolo del messaggero, a Silvio Laviano in quello del capo delle guardie del re, complimenti a Egle Doria che è Euridice, moglie di Creonte e madre di Emone, interpretato da Luca Iacono, e brava Lucia Cammalleri nel ruolo di Ismene, sorella di Antigone.

Antigone rimarrà a Genova fino al 2 febbraio, non perdetevelo! Emozionatevi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*