Boris Johnson dice sì alla chiusura

Print Friendly, PDF & Email

Inizia con oggi 23 marzo 2020 la quarantena per combattere il Covid-19 in Inghilterra: Boris Johnson ha annunciato stasera, in conferenza straordinaria, il suo sì al lockdown.

Anche se da qualche giorno si respirava un cambio di rotta del governo inglese dalla cosiddetta “immunità di gregge” verso la chiusura di ogni attività commerciale non di prima necessità, il blocco totale è soltanto adesso effettivo. Precisamente da stasera alle 20:00.

Molti negozi la scorsa settimana avevano iniziato a ridurre gli orari d’apertura oppure a comunicare la propria chiusura temporanea, per garantire la sicurezza dei propri dipendenti e clienti.

Per prevenire la diffusione del virus, è stato richiesto alla popolazione inglese di seguire alcune direttive che erano già state messe in atto in Italia. Quindi, non sarà consentito ai cittadini inglesi di lasciare le proprie case senza una specifica ragione (preferibilmente per comprare beni di prima necessità e medicinali), nonché è stato raccomandato agli stessi di evitare momenti di aggregazione all’aperto (in tal caso è stata prevista una multa di £30).

Attualmente in Inghilterra ci sono 6.650 casi confermati, di cui 335 morti.

La quarantena è prevista per le prossime 3 settimane. Il governo ha annunciato il supporto delle forze dell’ordine per garantire che le misure restrittive vengano rispettate.

L’appello di Boris Johnson ai cittadini inglesi si riassume con una semplice istruzione che è già stata raccomandata nel nostro paese dal nostro Presidente del Consiglio Giuseppe Conte: “Stay home”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*