Nuovi arrivi in biancoverde

Print Friendly, PDF & Email

Prende sempre di più forma la Passalacqua Ragusa edizione 2020/2021. Alle già annunciate Marshall, Santucci e Kuier, in questi ultimi giorni si sono aggiunte la lunga americana Isabelle Harrison, già a Napoli e Bologna ma con un passato in WNBA, che la scorsa stagione ha collezionato 21 punti e 12 rimbalzi di media a partita, e Valeria Trucco, giovane ala/pivot, proveniente da Moncalieri, capolista del girone Nord di Serie A2, dove ha chiuso con 8,5 punti di media e 7 rimbalzi. Inoltre c’è stata anche la riconferma del capitano biancoverde, Chiara Consolini, da 5 anni a Ragusa e che ha rinnovato per altri 3, diventando così di fatto una delle bandiere della formazione iblea.

Felice delle scelte coach Gianni Recupido. «La Harrison è una giocatrice che apprezzo da tempo, da prima che venisse in Italia. È stata da subito la nostra prima scelta e siamo contenti di essere riusciti a portarla a Ragusa. Conosce bene il campionato Italiano e, visto il reparto lunghe molto giovane che avremo a disposizione la prossima stagione, la sua esperienza sarà molto importante. È un’atleta con ottime qualità tecniche e buone doti fisiche che si presta molto bene al nostro modo di giocare. È una lunga molto mobile che garantisce presenza dentro l’area sui due lati del campo. Valeria Trucco è una giocatrice che ha ottime doti tecniche e una mano educatissima. Avrà un ruolo da protagonista in una situazione ideale per dimostrare quanto vale. Credo sia una delle migliori lunghe Italiane e che venendo a Ragusa con l’idea di lavorare e migliorare possa dare una svolta importante sua carriera. Per tre anni abbiamo provato a portarla qui e questo dimostra quanto crediamo nel suo talento. Per quanto invece riguarda la riconferma della Consolini. È il nostro capitano, sa perfettamente quello che vogliamo portare sul campo, conosce bene l’ambiente e il modo in cui lavoriamo. In squadra la sua esperienza sarà fondamentale. Sono certo che sarà un esempio e un modello per le sue compagne sia dal punto di vista tecnico sia dal punto di vista morale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*