Gio. Mag 19th, 2022
Print Friendly, PDF & Email

Finisce in parità, con un gol per parte, l’andata dei quarti di finale di Coppa Italia. Futsal Ragusa e Levante Caprarica stasera hanno dato vita, al PalaParisi, a una gara bella, vibrante, giocata alla pari, tra due squadre che, ciascuna per quello cui era chiamata, hanno dato il massimo.

Le ragusane, “obbligate” a vincere per il fatto di giocare tra le mura amiche, hanno tenuto per quasi tutti i quaranta minuti in mano il pallino del gioco, con le salentine, invece, che hanno provato a contenere gli attacchi delle ragazze di mister Marino, non disdegnando, di tanto in tanto, quando ci sono riuscite, a giocare di rimessa, mettendo più volte in difficoltà, soprattutto nella seconda frazione, la difesa neroverde.

Ne è venuta fuori una bella partita, con tante occasioni da gol, soprattutto da parte ragusana. Alla fine un pareggio giusto, che lascia qualche rimpianto in più alle padrone di casa per le tante occasioni non concretizzate.

A partire forte sono proprio le iblee, che fin dai primi minuti prendono d’assalto la porta ospite. Teresa Matranga, Daniela Militello e Narumi Iwamura più volte provano a bucare la difesa avversaria, infrangendosi però sempre sul muro giallo.

Poco a poco la furia neroverde si placa e il Levante inizia la sua azione di contenimento, con, di tanto in tanto, qualche improvvisa ripartenza.

Ma sono le ragusane a rendersi più pericolose. A volte però è la precipitazione delle giocatrici a far sfumare le occasioni, altre volte è la difesa ospite ad opporsi.

L’occasione più ghiotta arriva al 13°, quando la Militello riesce a dribblare tutta la difesa ospite, si trova faccia a faccia con il portiere ma non trova il tempo per calciare e la palla viene abbrancata dall’estremo difensore leccese.

Le ospiti hanno la loro occasione più importanti a quattro minuti dalla fine del primo tempo ma il loro tiro si spegne di poco altro.

Negli ultimi minuti il forcing ibleo che porta a due clamorose occasioni da gol. Nella prima la Militello calcia a colpo sicuro ma il portiere respinge, e sulla ribattuta la stessa giocatrice colpisce il palo. Nella seconda Claudia Ricupero calcia da non troppo distante ma il portiere è brava a respingere. E sullo 0-0 si va al riposo.

A inizio ripresa sono ancora le ragusane a fare la partita ma con il passare dei minuti le salentine si affacciano sempre di più nella metà campo delle padrone di casa. E le occasioni fioccano da una parte e dall’altra.

Al 5° arriva finalmente il gol del Ragusa. Teresa Matranga imbecca Narumi Iwamura che, con secco tiro, batte il portiere ospite. 1-0.

La reazione leccese è veemente ma la difesa ragusana tiene. Fino al 12°, quando con un veloce contropiede, il Levante riesce ad impattare. 1-1.

Il Ragusa accusa il colpo, e rischia l’uno due con un potente diagonale che si stampa sulla traversa. Poi la partita torna in equilibrio e, seppur le azioni da gol diventano più rare, l’incontro resta comunque bello da vedere.

L’ultima vera occasione da gol è delle ospiti, che a quattro minuti dalla fine, si ritrovano a tu per tu con la Iacono, che però è brava ad ipnotizzare la giocatrice salentina.

Martedì prossimo, in terra salentina, si giocherà la gara di ritorno, e il pareggio odierno obbligherà entrambe le squadra alla vittoria per poter passare il turno. La vincente sarà ammessa alla Final Four che si disputerà, la sede è ancora da stabilire, il 30 aprile e il primo maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.