Si è appena concluso la ricca stagione offertaci dal cartellone del Teatro del Tre, sito in viale Africa 31 a Catania, ricco di spettacoli di elevato spessore che hanno fatto la differenza nell’ambito dei contenitori culturali etnei dando modo a questa struttura di crearsi una sua nicchia di spettatori affezionati e attenti alla qualità.
Ma le attività del Teatro del Tre non s’interrompono in estate per il desiderio di proporre non solo teatro ma un “melting pot”, un crogiuolo che contenga in sé un’offerta di variegati stimoli culturali.
In linea con questa filosofia, Gaetano Lembo, in collaborazione con l’Istituto di Storia dello Spettacolo Siciliano presieduto dall’avv. Enzo Zappulla e dalla professoressa Sarah Zappulla Muscarà, propone un caffè letterario en plen air.
Prendendo spunto da due delle loro più recenti pubblicazioni, “Tutto il teatro di Stefano Pirandello” trittico edito dalla Bompiani e “Saghe e Seghe, col senno e con la mano” edito dalla Catinella nasce l’idea di un caffè culturale estivo che stimoli l’interesse della gente per la cultura in tutti i suoi aspetti; il caffè letterario verrà introdotto dalla professoressa Sarah Zappulla Muscarà e la messa in scena, la “mise en space”, sarà del direttore artistico dell’Accademia del Tre, nonché regista, drammaturgo e attore, Gaetano Lembo con la partecipazione di altri due docenti del teatro, Nicola Costa e Riccardo Maria Tarci.
Sabato 18 luglio ore 21:00, nel giardino del Teatro del Tre, “Appuntamento con Stefano Pirandello” e sabato 25 luglio “Saghe e Seghe col senno e con la mano”, deliziosa edizione anastatica di uno scherzo letterario fra Federico De Roberto, Luigi Capuana e l’avvocato Francesco Ferlito caratterizzato da un latino maccheronico, doppisensi, “pastiche” linguistico e spassosi esercizi comici di stile.
Entrambe le serate vedranno la presenza di rappresentanti degli enti che patrocinano le attività del Teatro del Tre: la Regione Siciliana, la Provincia Regionale di Catania, il Comune di Catania e la II municipalità del Comune di Catania.
Read More →