Se noi confrontiamo i dati della disoccupazione in Marocco  con quelli italiani non vediamo poi grandi differenze , differenze che invece sono  evidentissime per il tasso di sviluppo: noi non ci sogniamo nemmeno lontanamente tassi di sviluppo intorno la 5%  anzi prevediamo recessione ormai inevitabile La differenza sta nel fatto che in Italia  i giovani possono ricevere l’aiuto sostanzioso dei genitori lavoratori o pensionati : ma che accadrà quando, con il volgere inesorabile del  tempo, questa specie di nascosto  welfare familiare verrà a mancare?
Read More →

Alla fine Sergio Marchionne l’ha fatto. Dopo aver annunciato che dal primo gennaio 2012 Fiat uscirà da Confindustria, ieri ha dichiarato che a partire dalla stessa data disdetterà tutti gli accordi sindacali, imponendo, nei fatti, a tutti i dipendenti del gruppo contratti sul modello “Pomigliano”, un contratto molto restrittivo perRead More →

Sul tema dello sviluppo economico dell’africa è stata pubblicata una relazione scritta congiuntamente dalla Banca africana di sviluppo, l’Organizzazione per la Cooperazione Economica e Sviluppo, il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo e la Commissione economica delle Nazioni Unite per l’Africa.: ne riassumiamo i punti fondamentali.Read More →

Nella crisi finanziaria che attanaglia tutto il mondo occidentale vi è un “convitato di pietra”: la valuta cinese. La moneta cinese ufficialmente è denominata Renminbi (che significa “moneta del popolo”) ed abbreviata in RMB: nell’uso comune viene pero chiamata yuan che in realtà significa semplicemente “moneta” (anche il dollaro o l’euro sono detti “yuan”) ma per i cinesi la moneta per eccellenza non può essere che la propria.Read More →

I Cinesi temono che la crisi occidentale sia considerata come un effetto della loro concorrenza e pertanto insistono sul fatto che essa derivi da errori o manchevolezze tutte interne all’Occidente stesso. Oggi in primo piano sul “Quotidiano del popolo” vi è un articolo di Wang Yuanfeng, professore di economia a Pechino che la fa risalire sostanzialmente all’edonismo che trionfa in Occidente. Riportiamo la traduzione dell’articolo che comunque ci pare di grande interesse, qualunque giudizio poi si voglia dare sull’ipotesi che presenta. Read More →

Oggì è stata presentata a Shanghai la Fiat 500 “First Edition” realizzata esclusivamente per il mercato cinese e decorata da motivi grafici da 5 giovani designer cinesi. che hanno interpretato in modo creativo il rapporto tra Cina e italia Si tratta di una serie esclusiva di 100 esemplari numerati che anticipa il lancio ufficiale del modello 500 previsto per il 15 settembre prossimo. Tutti i cinesi che prenoteranno una Fiat 500 parteciperanno ad un’estrazione finale ai vincitori della quale sarà assegnata una di queste vetture esclusive in sostituzione di quelle comune. Read More →

Mentre l’industria automobilistica globale sta lottando per riprendersi dalla saturazione dei mercati dopo la crisi economica, il mercato cinese è divenuto il più grande e promettente del mondo: la case automobilistiche internazionali dell’auto lanciano i loro prodotti con strategie aggressive per conquistarlo.Read More →

La Cina, superato il Giappone, è divenuta la seconda economia del mondo dopo solo a quella degli Stati uniti. Ma il PPP che misura il reddito medio, per i cinesi è ancor molto basso. Esso infatti è di appena $ 5.600 pari al malandato Egitto, inferiore a quello della Tunisia in rivolta ($ 7,200). lontanissima da quello da quello americano ($46,300), giapponese ($33,400) e anche italiano (31,200).Read More →