Sabato il Direttivo della CGIL si è riunito per valutare l’esito del referendum a Mirafiori e trarne le doverose indicazioni politiche. La signora Camusso ha invitato i presenti a tributare un applauso alla Fiom come premio della sua valorosa ed efficace resistenza nella battaglia campale di Torino. L’applauso c’è statoRead More →

Sono stato sveglio fino alle tre del mattino per seguire lo spoglio del referendum alla Fiat. Fino a quell’ora il no era vincente con il 53 per cento dei voti in un terzo dei seggi. Se questo risultato fosse stato confermato stamane l’Italia sarebbe  diversa, più libera, più fiduciosa nel proprioRead More →

Corradino Mineo è giornalista di razza. Proviene dal laboratorio siciliano de “l’Ora” dal quale sono uscite personalità  importanti sparse in molte testate con posizioni di primo piano. Stamane, nel commentare l’attacco di Susanna Camusso a Marchionne, si è lasciato sfuggire un’opinione assai acuta di persona che capisce il sottofondo delle cose.Read More →

Marchionne fa lo spaccone e il duro ed interrompe la trattativa. Vuole l’azzeramento di tutto. Mirafiori non esiste più come Fiat ma diventa una Newco. Quindi si pretende l’azzeramento del contratto di lavoro e la firma di un contratto aziendale da parte di ogni singolo lavoratore. Marchionne chiede anche unRead More →

Marchionne si è incontrato con il neoministro dell’industria ed a quanto pare ne ha ricavato quello che voleva. Uscendo ha avuto la grande generosità di dire che la Fiat non lascerà l’Italia ed ha negato di averlo minacciato prima. Ha detto che il mercato non deve essere drogato (sic!) dagli incentivi per laRead More →

A Cernobbio la grande borghesia italiana dell’industria e degli affari si riunisce ogni anno per aggiustare la sua strategia di egemonia sociale e politica. Un appuntamento nel quale si scoprono le novità, gli orientamenti che saranno suggeriti alla classe politica di destra e non solo. La sinistra non ha nienteRead More →

Gli economisti cinesi sembrano vivamente preoccupati che misure in senso protezionistico dei pesi più economicamente sviluppati possano limitare seriamente le massicce esportazioni che sono il volano dei prodigiosi tassi di sviluppo del paese L’editoriale di oggi, 30/08/10 del maggior giornale cinese, il Reminim Ribao (Quotidiano del popolo) se ne fa interprete. Read More →

In Italia non sono noti studi adeguati sulle crisi aziendali che quasi sempre si concludono con licenziamenti che fanno dimagrire la base lavorativa delle imprese o degli enti. Se questi studi ci fossero si dimostrerebbe che le ristrutturazioni che hanno causato a volte traumi sociali terribili non conducono  quasi mai ad unaRead More →

L’Italia ha partecipato attivamente ai bombardamenti della Serbia del 1999. Belgrado fu sottoposta per settantasette giorni a spaventose incursioni aeree della Nato che non si limitavano a distruggere ma hanno anche avvelenato l’ambiente e le persone. Non sappiamo quante centinaia di migliaia di persone siano morte dopo la guerra. Se esisteRead More →

Si apre una settimana cruciale per lo sviluppo del colpo di stato sociale che la Confindustria ed in particolare la Fiat  stanno realizzando in Italia con l’aiuto di Sindacati fedigrafi e politici ruffiani. Si riunisce a Torino e non a Roma, al Ministero del Lavoro, una riunione convocata da SacconiRead More →

La reazione di Marchionne e della Confindustria alla pesante sconfitta subita a Pomigliano è di stampo fascista.  Marchionne dopo aver fatto sapere di essere  “irritato” e di considerare l’ipotesi di  ritirare  l’investimento, di fare la Panda in Polonia ed anche di voler costituire quella che si chiama “newco”, cioè diRead More →