Tra un Salvini razzifascista e un Renzi filantropo il passo è breve: perché vi è differenza sostanziale tra chi fa marcire clandestini in mare e chi invece nei centri di accoglienza da anni: tra chi millanta un diritto di prelazione bassopopulistico e chi invece sbandiera umanità con le tasche sueRead More →

Per chi si diletta a scrivere di politica come me oppure lo fa di mestiere, questo è il momento delle notizie e delle riflessioni piene di ma, se, forse, potrebbe essere, sarà. Provo, quindi, a fare il punto della situazione. L’unica certezza, dopo il recente appuntamento elettorale del 4 marzo,Read More →

Ricapitoliamo: la Turchia, nostro alleato e partner, stermina i curdi come mosche e non si muove un dito, Israele spara e uccide dei manifestanti e non si muove un dito, la Siria fa di tutto in questi anni e, “giustamente”, non si muove un dito. Naturalmente tutti e tre giustificanoRead More →

È grave quello che è successo oggi a Macerata. È grave che un giovane, bianco, italiano, già candidato alle comunali con la Lega Nord, con un simbolo nazista tatuato sulla tempia, apra il fuoco contro uomini e donne che in quel momento si trovavano davanti alla stazione della cittadina marchigianaRead More →

I rapporti fra Usa e Iran sotto la presidenza di Obama erano andati sempre migliorando fino a raggiungere un accordo di massima sul nucleare che, seppure impopolare nell’opinione pubblica iraniana, sembrava aprire la strada a una normalizzazione e una conseguente collaborazione. I presupposti c’erano tutti. Read More →