In una operazione congiunta irachena americana sono stati uccisi i due leader più importanti del terrorismo in Iraq: Abu Ayub al-Masri, leader di al-Qaeda in Iraq, e Abu Omar al-Baghdadi, presidente del fantomatico Stato Islamico dell’Iraq,
L’annuncio è stato dato in una conferenza stampa, dal presidente uscente al Maliki Read More →

Il problema del delta è l’aumento dei livelli di salinità che potrebbe portare al disastro economico e agricolo
Il livello del mare sotto la costa dell’Egitto va sollevandosi ,circa di 20 cm nel corso del secolo scorso,e l’acqua salata si infiltra nel terreno del Delta dal basso e distrugge la terra agricola.
Read More →

E’ da poco terminata la prima delle due semifinali al torneo WTA di Barcellona, in entrambe gioca una tennista azzurra; questo primo match ha visto di fronte Roberta Vinci, 54esima del ranking mondiale, e la rumena Alexandra Dulgheru, 51esima. A seguire l’altra semifinale che vedrà impegnata Francesca Schiavone. Ha vintoRead More →

Si è appena concluso il match tra l’azzurra Sara Errani, 39esima del ranking mondiale, e la rumena Alexandra Dulgheru, 51esima, vinto da quest’ultima nel tempo complessivo di quasi tre ore, 2h  56’ 54”  col risultato finale di 6-2, 3-6, 6-7. I primi due set sono stati, come dimostra il risultato,Read More →

Nel secolo scorso vi sono state molte rivoluzioni (in Messico, Russia, Cina, Cuba Viet-nam ma un po’ dovunque) e erano caratterizzate dalla insurrezione armata di una parte politica e sfociava, in genere, in una sanguinosa e tragica guerra civile, spesso sotto forma di guerra per bande (guerriglia, come teorizzava il Che). Ma nel nuovo millennio e nel nuovo secolo quel tipo di Rivoluzione (intesa come guerriglia o guerra civile) pare essere stata sostituita da quelle che vengono definite “rivoluzioni colorate”.Read More →

Roza Otunbayeva (nella foto sopra) designata dalla opposizione come presidente ad interim ha annunciato che entro 6 mesi si terranno nuove e libere elezioni: singolare il mezzo di diffusione della decisione: internet .Intanto il presidente Kurmanbek Bakiev costretto dalle dimostrazioni a fuggire al sud non accetta di cedere il potere e di essere deposto dalla folla. L’esercito però ha fatto sapere che non intende intervenire e quindi in pratica non ha nessun mezzo per recuperare il potere.
Il nuovo governo è stato anche riconosciuto dalla Russia che ha inviato anche qualche reparto militare a mo’ di monito mentre gli Americani si guardano bene dall’intervenireRead More →

Carla Bruni-Sarkozy, moglie del Presidente francese, ha definito le voci sulla sua presunta crisi coniugale “irrilevanti”. “Questi pettegolezzi sono insignificanti per me e per mio marito”, ha detto la premiere dame di Francia, intervenendo ieri sera a radio Europe 1, dopo che le voci di infedeltà si erano moltiplicate negliRead More →

Nel più grave attacco dei ribelli maoisti (detti Naxals) almeno 73 militari indiani sono stati uccisi oggi, martedì,6 aprile. in un’imboscata nella fitta jungla di Mukrana del distretto di Dantewada Chhattisgarh. uno stato dell’India centrale. Secondo le fonti indiane l’attacco sarebbe stato portato da circa 1000 guerriglieri Naxals contro una unita impegnata nel pattugliamento della zona coperta dalla jungla.Read More →

Le Filippine sono note nel mondo per i riti della Pasqua nei quali un pò dovunque si celebrano rappresentazioni della Passione con un alto grado di partecipazione popolare che sfocia talvolta perfino nell’autolesionismo cruento.Tuttavia la Chiesa cattolica locale negli ultimi si è segnalata non per il folcore della Settimana Santa ma per una serie di attività rivolte al sociale per lenire le miserie del paese e soprattutto per iniziative di paceRead More →

Il presidente Mubarak ha nominato Ahmed Mohamed Ahmed al-Tayeb come nuovo sceicco di Al-Azhar, la più prestigiosa università islamica. La controversia sulla successione del rettore della università e della moschea di Al-Azhar, lo Sceicco Mohammed Sayed Tantawi, che è morto il 10 marzo è più complessa di quanto molti si aspettavano.Read More →

Anche il Remnin Ribao ( Quotidiano del Popolo), il giornale ufficiale della Cina, si occupa delle elezioni italiane e riporta la medesima fotografia già pubblicata da al Jazeera: evidentemente una foto che ha fatto il giro del mondo.
Nell’articolo si mette in risalto che è accompagnato da una giovane donna: non si accenna, però, al ben noto gallismo del Presidente ma alla preparazione della candidata e al fatto che i giovani hanno dato un contributo essenziale al successo inatteso dei partiti di centro destra

Read More →

Il vertice della lega Araba si è tenuto quest’anno in Libia e si è chiuso con il rituale appoggio ai Palestinesi e la condanna della politica di Israele. E’ divenuto una specie di avvenimento mondano. Ogni anno, un governo arabo fa da anfitrione del vertice. che porta con sé un certo grado di prestigio formale. Il leader di quel paese riceve più visitatori e dignitari del solito e si vede sulla sua tv di Stato che riceve i capi di stato e rappresentanti di organizzazioni internazionali.Read More →

Riportiamo la traduzione dell’articolo che al Jazeera dedica alle elezioni italiane. In genere il mondo arabo ha scarse simpatie per Berlusconi sia per la politica restrittiva contro le immigrazioni che per la maggiore vicinanza ad Israele. .Tuttavia al Jazeera si segnala sempre per la imparzialità e oggettività dei suoi commenti .Read More →

La commissione elettorale indipendente ha comunicato i risultati delle urne. Ha votato il 62 per cento degli aventi diritto: 325 i seggi del Consiglio dei Rappresentanti da aggiudicare. La coalizione laicista guidato da Allawi, l’ex premier, ha avuto la maggioranza relative dei seggi: 91 seggi. Il partito di Maliki (sciiti) è al secondo posto con 89 seggi. Alleanza nazional irachena, una coalizione di gruppi religiosi sciiti, al terzo posto, con 70 seggi.Read More →