Le Filippine sono note nel mondo per i riti della Pasqua nei quali un pò dovunque si celebrano rappresentazioni della Passione con un alto grado di partecipazione popolare che sfocia talvolta perfino nell’autolesionismo cruento.Tuttavia la Chiesa cattolica locale negli ultimi si è segnalata non per il folcore della Settimana Santa ma per una serie di attività rivolte al sociale per lenire le miserie del paese e soprattutto per iniziative di paceRead More →

Il presidente Mubarak ha nominato Ahmed Mohamed Ahmed al-Tayeb come nuovo sceicco di Al-Azhar, la più prestigiosa università islamica. La controversia sulla successione del rettore della università e della moschea di Al-Azhar, lo Sceicco Mohammed Sayed Tantawi, che è morto il 10 marzo è più complessa di quanto molti si aspettavano.Read More →

Anche il Remnin Ribao ( Quotidiano del Popolo), il giornale ufficiale della Cina, si occupa delle elezioni italiane e riporta la medesima fotografia già pubblicata da al Jazeera: evidentemente una foto che ha fatto il giro del mondo.
Nell’articolo si mette in risalto che è accompagnato da una giovane donna: non si accenna, però, al ben noto gallismo del Presidente ma alla preparazione della candidata e al fatto che i giovani hanno dato un contributo essenziale al successo inatteso dei partiti di centro destra

Read More →

Il vertice della lega Araba si è tenuto quest’anno in Libia e si è chiuso con il rituale appoggio ai Palestinesi e la condanna della politica di Israele. E’ divenuto una specie di avvenimento mondano. Ogni anno, un governo arabo fa da anfitrione del vertice. che porta con sé un certo grado di prestigio formale. Il leader di quel paese riceve più visitatori e dignitari del solito e si vede sulla sua tv di Stato che riceve i capi di stato e rappresentanti di organizzazioni internazionali.Read More →

Riportiamo la traduzione dell’articolo che al Jazeera dedica alle elezioni italiane. In genere il mondo arabo ha scarse simpatie per Berlusconi sia per la politica restrittiva contro le immigrazioni che per la maggiore vicinanza ad Israele. .Tuttavia al Jazeera si segnala sempre per la imparzialità e oggettività dei suoi commenti .Read More →

La commissione elettorale indipendente ha comunicato i risultati delle urne. Ha votato il 62 per cento degli aventi diritto: 325 i seggi del Consiglio dei Rappresentanti da aggiudicare. La coalizione laicista guidato da Allawi, l’ex premier, ha avuto la maggioranza relative dei seggi: 91 seggi. Il partito di Maliki (sciiti) è al secondo posto con 89 seggi. Alleanza nazional irachena, una coalizione di gruppi religiosi sciiti, al terzo posto, con 70 seggi.Read More →

A parte i particolari la sostanza è stato che i ribelli si impegnassero in concreto a non aver nessun rapporto con i gli estremisti islamici e, in cambio gli occidentali non fanno pressioni sul governo locale e non intervengono direttamente
Lo schema pare funzionare ed è stato da molti osservatori considerato come un modello da seguire in tutto il Medio Oriente. Read More →

Una delegazione di alto livello che rappresenta uno dei principali movimenti anti governativo 1′ “Hezb-i-Islami” (partito dell’lslam) si trova a Kabul, con un piano per i colloqui di pace con il governo afghano,
La delegazione è guidata dal Qutbuddin Helal, ex primo ministro e vice di Gulbuddin Hekmatyar, leader del gruppo.Read More →

Un razzo Kassam è stato sparato dalla Striscia di Gaza in territorio Israele, uccidendo un immigrato tailandese che lavorava nei campi. E’ la prima volta che un razzo provoca morti in Israele dalla fine della guerra di Israele a Gaza, nel gennaio 2009 ma almeno 30 proiettili avevano già raggiunto il territorio israeliano.Read More →

La recente escalation di violenza a Gerusalemme non fa ben sperare per la futura coesistenza in città, tra i due popoli ma potrebbe inaugurare un nuovo ciclo di conflitto con conseguenze di vasta portata in tutta la regione. Israele non avrebbe potuto essere più decisa nella sua sua ‘giudeizzazione” della città: sin dalla occupazione del 1967.Read More →

Il contrasto dura da 5 anni ed è fra due fazioni che indossano gli uni una camicia rossa e gli altri una camicia gialla. Nel febbraio 2005, vinse il partito di Thaksin Shinawatra (camicie rosse) ma la stabilità politica termina nel settembre del 2006 con un colpo di stato dei militari che ha l’appoggio del re. Read More →

Almeno 31 persone sono rimaste ferite a seguito degli scontri tra musulmani e cristiani copti nell’Egitto settentrionale, presso Marsa Matrouh ai confini con la Libia. Gli scontri sono iniziati quando i residenti musulmani hanno lanciato pietre contro i lavoratori edili cristiani perche credevano che stessero costruendo una chiesa: gli operai hanno detto, però che stavano costruendo un muro di un ospizio.Read More →

Il presidente palestinese sembra essersi chiamato fuori dai colloqui indiretti con Israele dichiarando che non entrerà in tali negoziati ora perchè “la parte palestinese non può negoziare nelle circostanze attuali”
Il. Ministero degli Interni israeliano, controllato dal partito ultra-ortodosso Shas. aveva annunciato martedì la costruzione di 1.600 nuove unità abitative a Ramat Shlomo, un insediamento religioso ebraico a Gerusalemme est.Read More →

Secondo i dati nel 2009 sono entrati in Cina illegalmente, fuggendo dalla Corea del nord. Circa 25 – 30 mila nord-coreani in maggioranza giovani donne. Quelle più fortunate trovano ad attenderle un marito in genere anche esso un coreano rifugiato in Cina: per molte altre invece purtroppo si apre la via della prostituzioni nelle città della toccate dal boom economico. Read More →

Noi Occidentali, abituati a conoscere i risultati quasi immediatamente , ci stupiamo dei tempi tanto lunghi che occorrono in Iraq come negli altri paesi dell’area. Ma bisogna tener presente che manca in quei paesi l’abitudine e quindi la pratica del voto: circa 800 mila persone sono impegnate in questo conteggio, tutte persone senza esprienza.Read More →