A Ragusa, nella primavera del 2011, si è votato per l’elezione del Sindaco. A risultare vincitore è stato il sindaco uscente, Nello Dipasquale, rieletto grazie ai voti di una coalizione di centrodestra, nonostante da più parti si prevedesse che due anni dopo, in occasione delle elezioni regionali, Dipasquale si sarebbeRead More →

Il partito al-Nahda di ispirazione islamica si è affermato nettamene nelle prime elezioni in Tuinisia aggiudicandosi forse il 40 per cento dei 217 seggi dell’assemblea costituente.
I primi risultati mostrano che al-Nahda ha ottenuto il primo posto a livello nazionale e nella maggior parte dei distretti: è chiaro che ha la maggioranza, la questione è in che misura e se sarà in grado di formare un governo da soli.Read More →

Crisi o elezioni. È stato questo l’aut aut che il nostro Presidente del Consiglio dei Ministri ha dato all’Italia. Nel senso che “o il Governo ottiene la fiducia in Parlamento, oppure si torna a votare”. A me, questa, sembra una posizione più che legittima, perché mi sembra legittimo che ciascunoRead More →

Noi Occidentali, abituati a conoscere i risultati quasi immediatamente , ci stupiamo dei tempi tanto lunghi che occorrono in Iraq come negli altri paesi dell’area. Ma bisogna tener presente che manca in quei paesi l’abitudine e quindi la pratica del voto: circa 800 mila persone sono impegnate in questo conteggio, tutte persone senza esprienza.Read More →

L’Iraq si prepara al voto malgrado i sanguinosi attentati che cercano di riportare caos e disordine. Le elezioni sono già iniziate ieri per alcune categorie e termineranno domenica: i votanti saranno segnati al dito con un inchiostro, indelebile per un certo tempo.Read More →