Ancora un libro che mi ha “chiamato” girellando su Amazon ed è stato innamoramento a pelle senza sapere, come al solito, nulla dell’autrice né aver letto eventuali recensioni. Ha una mole alquanto ragguardevole, 366 pagine, eppure per la sottoscritta è volato grazie alla sua anima bambina che, nonostante l’età anagraficaRead More →

“La Venere Rea”, titolo che gioca  sull’assonanza interna ma anche sull’aggettivo “rea” come colpevole e già da qui si intuisce che non sarà un libro “comune”. Oltremodo interessante la scelta stilistica di utilizzare, come forma di scrittura, sia lo scambio epistolare che quello del diario che dell’inserimento di una narrazioneRead More →